< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • August 2005
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/08/2005

    Come t’antitoli?

    Filed under: — JE6 @ 17:35

    Siccome al masochismo non c’è limite, sto realizzando che non solo non mi piace il nome che mamy&papy mi hanno affibbiato (questo lo so da più di trent’anni, diciamo), ma che non mi piace più nemmeno il nome che mi sono scelto da solo – quello del blog, zucconi.

    Con voce commossa

    Filed under: — JE6 @ 12:01

    Sei un arbitro.
    Mestiere infame, certo. I tuoi errori non dipendono mai da incapacità o sfortuna, bensì da disonestà. Mestiere per fare il quale devi essere innocente e illibato, altrimenti ci sarà sempre, ogni volta che soffi dentro il fischietto, qualcuno che penserà che sei un ladro o una puttana.
    Sei un arbitro. Ti capita un’occasione alla quale è difficile dire di no; un milione di euro. Ora, tu non guadagni poco, ma un milione è un milione. Quindi, cosa fai? Accetti, naturalmente. Dovrai soltanto dire che quella macchina di quella casa automobilistica è un gioiello. Sarà mica un crimine, santiddio.
    Peccato che quella casa automobilistica versi anche un bel po’ di soldi nelle casse di una delle squadre che tu dovresti giudicare, proprio per fare la stessa cosa che chiede a te di fare: dire che le sue macchine sono un gioiello, portare per il mondo il vangelo del suo marchio.
    Si può immaginare che quella casa automobilistica sarebbe felice se quella squadra vincesse lo scudetto. E tu, magari, ti potresti trovare nella condizione di fischiare contro gli interessi di quella squadra e quindi, guarda il caso – la sfortuna nera, diamine – contro gli interessi di quella casa automobilistica che ti versa sul conto corrente quanto? ricordami un po’? un milione di euro? Ecco.
    Qualcuno ti fa notare che insomma, la morale e il buon gusto saranno anche andati a puttane in questo paese – e chi potrebbe dire il contrario? – ma così non si fa, soprattutto in un paese dove si bloccano i traghetti e si accerchiano i tribunali se si osa toccare la squadra di calcio del cuore.
    Ma tu, no: fermo, rigido, monumento all’onestà. “Un arbitro deve essere creduto“, dici. E lo dici con voce commossa. Sai, viene in mente quella canzone, la conoscerai anche tu: non è mica da questi particolari, che si giudica un giocatore.
    E poi, la ciliegina sulla torta: “Alla fine abbiamo perso tutti“.
    ‘Scolta, Pierluigi: considerando che tu il milione di euro te lo sei comunque fatto accreditare, non c’è modo di far perdere qualcosa anche a me?
    Repubblica.it