< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • October 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/10/2005

    E anch’io non mi sento tanto bene

    Filed under: — JE6 @ 09:10

    Lo ammetto, mi piacerebbe rendermi la vita più semplice mettendo i buoni da una parte e i cattivi dall’altra (e inserendomi tra i primi, naturalmente).
    Però: dieci milioni di miei concittadini si appassionano alle vicende di Al Bano, undici e passa trascorrono diverse ore pendendo dalle labbra di un attempato cantante. Tra questi, stando agli esperti del settore, parecchie persone con un livello di istruzione medio-alto, tanto quanto il loro reddito. Insomma, sembra un po’ presuntuoso pensarsi migliori rispetto ad una buona metà di coloro che si incontrano quotidianamente al bar o in metropolitana; anzi, sembra persino presuntuoso avere un’opinione in merito, quale che sia.
    ItaliaOggi (a pagamento, sorry)

    Inoltre, pensando a quante volte mi fermo davanti a “Qui Studio a Voi Stadio”, mi torna alla mente l’immortale Woody Allen: Dio é morto, Marx é morto e anch’io non mi sento tanto bene.

    Vedo che, con molta maggiore proprietà di linguaggio, parla un pochino della questione anche Gianluca Neri.

    6 Responses to “E anch’io non mi sento tanto bene”

    1. -marika- Says:

      qui studio a voi stadio è da delirio!

    2. ilaLuna84 Says:

      Un’opinione in merito si può e si deve avere, secondo me. Basta ricordarsi che è solo un’opinione e che, come tale, non è migliore dell’opinione di un altro.

    3. sphera Says:

      Non so, non seguo quest e vicende. Però, Sir, sinceramente, l’idea di pensarsi migliori di qualcuno sulla base di ciò che appassiona mi pare un po’ fuorviante: quanti si appassionano di preparazione di cocktail, di decoupage, di scacchi, di bondage, di volo a vela, di crochet:? Io trovo davvero difficile pensarmi in posizione di migliore o peggiore, davvero, non saprei da che parte cominciare.

    4. Squonk Says:

      Io, invece, penso che almeno alcune delle nostre passioni ci definiscono meglio di tante parole. Il punto è non prendere una parte per il tutto; ricordarsi, insomma, che si può guardare l’Isola dei famosi e leggere Kant (oppure guardare Report e leggere Harmony), ricordarsi che non siamo blocchi monolitici ma pietre (preziose? mah) con molte sfaccettature.

    5. Zamm Says:

      “Io, invece, penso che almeno alcune delle nostre passioni ci definiscono meglio di tante parole.”

      Solo per confronto: questa celo, questa manca, questa manco so cos’è, ecc.

    6. skunk Says:

      Un giorno scopriremo che non era vero. Che le persone che seguono le vicende di Albano, sono le stesse che ne scrivono i format, tuttavia, non disdegnerei un corso di soft-bondage.

    Leave a Reply