< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • November 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/11/2005

    Io (non) so

    Filed under: — JE6 @ 09:58

    Ieri sera, mentre andavo a far la mia parte nel flash mob dedicato a Pier Paolo Pasolini, mi chiedevo perchè mi stessi accingendo a salire sulla Loggia dei Mercanti per leggere parole a me in larga misura sconosciute, di fronte a persone altrettanto sconosciute.
    La prima risposta era semplice: per fare un piacere a degli amici.
    Nobile e sufficiente, come risposta. Ma incompleta.
    Una seconda risposta era: Pasolini è quello che ha scritto, ai tempi degli scontri di Valle Giulia, in favore dei poliziotti e dei carabinieri. E il sottoscritto, per motivi familiari e convinzioni personali più volte raccontate in questi grami tempi di carligiuliani e piazzealimonde, queste cose le apprezza.
    Ma la risposta finale, quella che – sempre per il sottoscritto – dava senso al tutto, era molto semplice: di Pasolini conosco poco; ma quel poco mi dice che era uno che ci teneva, al suo paese. Ci teneva tanto con la testa quanto con il cuore. Ricordare lui significava, in qualche modo, ricordare a me stesso che “I care” non è uno slogan vacuo, ma è l’unico modo per lasciare a mia figlia un posto nel quale valga la pena vivere, e avere un futuro.
    E così, sono salito sulla Loggia dei Mercanti. E ho letto.