< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • November 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/11/2005

    Sogni d’oro

    Filed under: — JE6 @ 16:25

    Ho appena prenotato un albergo a Bruxelles. Ci devo passare solo una notte, ma la descrizione che ho trovato mi inquieta un po’: “Un letto matrimoniale. Decorazioni bianche in stile minimalista con testata alta in legno e scrivania. Bagno in marmo. TV via cavo, telefono, pressa pantaloni.”

    In riva alla città

    Filed under: — JE6 @ 13:57

    Il titolare, qui, è nato, cresciuto e tuttora vive nella periferia milanese. Sempre la stessa, tra l’altro, con un solo spostamento di poco più di mille metri in occasione del matrimonio.
    Dovessi dire che conosco la periferia milanese, direi una mezza verità e una mezza bugia. Conosco i posti che conosco. A Rogoredo, per dire, sarò andato quattro volte in trentanove anni, professarne conoscenza sconfinerebbe un po’ nella millanteria. Al tempo stesso, a volte basta un’occhiata anche rapida data durante un veloce passaggio in macchina – magari fortuito – per ritrovarsi a casa. I colori delle strade e delle poche aiuole, le case popolari, le giacche dei pensionati, cose così.
    A mio tempo, sono stato anch’io vittima della retorica della periferia (Storie da marciapiede – Quartiere otto tu non cambierai – È un po’ che non ci si vede – Non ero il primo a scuola e tu lo sai – Ma il treno della vita – Almeno una volta si fermerà – Per quelli della strada – Qualcuno una canzone scriverà), quella che sostiene la maggiore “purezza” di chi vive a distanza dalle sfavillanti vie del centro. Ma mi è bastato poco, mi è bastato andare all’università e in generale frequentare un po’ più assiduamente luoghi e persone fuori dalla mia abituale cerchia, per rendermi conto di cose molto banali nella loro assoluta evidenza. Mi sono reso conto che degrado e periferia non sono sinonimi, così come non lo sono progresso e centro storico, che brave persone e testedicazzo sono abbastanza equamente distribuiti, che la periferia nella quale vivevo e vivo era fatta – in larga misura – da gente con una speranza di vita e di miglioramento non proprio trascurabile (e oggi, vent’anni dopo, trovo più conferme che smentite a quell’impressione), che – insomma – le cose e le persone non erano nè bianche nè nere, e nemmeno grigie, ma a macchia di leopardo.
    Epperò, io sono nato, cresciuto e vivo nel quartiere Gallaratese, periferia nord-ovest di Milano. A Rogoredo, come a Drancy, ci ho giusto passato qualche ora, e forse le cose non erano e non sono come sembrano a me.

    Lo zoo è qui

    Filed under: — JE6 @ 10:13

    Giornata di passeggio per le vie della periferia milanese, ieri. E cartelli, attaccati ad alberi e lampioni. Micia, I love you. E, soprattutto: Trovato canarino giallo (tu pensa, Titti che gira per il Gallaratese di Milano, roba da matti).