< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • November 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/11/2005

    Tra le braccia di Morfeo

    Filed under: — JE6 @ 16:23

    Come confessato più volte da queste parti, soffro di risveglio anticipato, e in generale dormo poco. Questo post di Zu mi ha fatto tornare in mente i bei tempi che furono, quando riuscii ad addormentarmi facendo un elettroencefalogramma (e quindi, mandandone a monte i risultati – almeno credo).
    Verba Manent

    Nel nome della lobby

    Filed under: — JE6 @ 11:12

    Leggo, chez Giuseppe Granieri, un post colmo di auspici sullo sviluppo “culturale” della classe dirigente italiana.
    Scrive Giuseppe: “Nei Paesi in cui esiste una comprensione del mondo a livello politico…“, e, più in là: “Abbiamo bisogno di una classe dirigente più giovane, più colta (…) e più collegata con la realtà“.
    Non dubito che Giuseppe abbia ragione. E’ di questo (non solo, ma anche) che abbiamo bisogno. Ma non posso fare a meno di notare che il sottinteso del suo ragionamento è “in molti altri paesi, invece“. Sarà.
    Però: non più tardi di venerdì scorso mi è capitato di partecipare ad una riunione di lobbysti, in presenza di un pezzo grosso della Commissione Europea. Ho ascoltato una quantità di aneddoti e retroscena molto illuminanti sui metodi di determinazione di un buon numero di scelte politiche dei singoli stati e della cosiddetta Europa, tutti riassumibili in un vecchio proverbio lombardo, che, tradotto, suona più o meno così: chi grida più forte, si prende la vacca.
    Dietro progetti apparentemente illuminati molto spesso stanno, semplicemente, lobby più forti di altre; il primo ministro “giovane e collegato con la realtà” è spesso eterodiretto, e rimane la sensazione che al singolo cittadino (il Giuseppe della situazione) non rimanga che augurarsi che i migliori urlatori siano anche coloro che – nel nome del loro specifico interesse – riusciranno a fare (un po’) l’interesse di molti loro concittadini.
    Blog Notes

    E allora, chi?

    Filed under: — JE6 @ 09:29

    Immagino che a breve il presidente della Camera darà alle stampe la tradizionale rettifica, chiarendo che l’illusionista non è certo Silvio Berlusconi, ci mancherebbe altro.
    Repubblica.it