< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • November 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/11/2005

    Di grazia

    Filed under: — JE6 @ 21:30

    Torniamo sulla questione, giusto per chiarire un post forse troppo sibillino.
    Io mi auguro che Adriano Sofri venga graziato. Me lo auguro per lui, e per la sua famiglia. Aggiungo: a caval donato non si guarda in bocca; quindi, non mi sogno minimamente di fare il Vattimo de noantri, suggerendo a Sofri-il-vecchio di rifiutare sdegnosamente la grazia (qualora questa gli venisse concessa) per non compromettere la dignitosa purezza della sua condotta pre- e post-processuale. Prendi e porta a casa, piuttosto.
    Insomma, spero che chi diceva “no, no, no” adesso dica “sì, sì, sì“, e che questo abbia un effetto concreto e positivo.
    Ma mi chiedo cosa è cambiato, nel corso degli ultimi sei o dodici mesi: che cosa ha portato i “no” a trasformarsi in ““.
    Risposta: nulla, se non la malattia che ha colpito Sofri sr. La quale, diciamolo, sarebbe pure una motivazione sufficiente, se venisse onestamente ammessa. Invece, è tutto un fiorire di “è ora di voltare pagina“, “la guerra è finita“, e così via. L’unico che mostra un po’ di coerenza è l’onorevole Ministro della Giustizia, che afferma “Non sono cambiate le mie opinioni, ma i fatti“; usando un po’ di italico cinismo, la frase si può tradurre così: fosse per me, Sofri dovrebbe vedere il sole a strisce per il resto della sua vita – altro che dalle 9 alle 19 a lavorare in biblioteca! – ma non voglio rischiare di passare per quello che “ha fatto morire Sofri in galera”.
    Con tutto questo, io penso che, alla fine, non succederà nulla. Perchè, per fortuna, sembra che Sofri-il-vecchio si possa ristabilire, grazie a Dio; ci vorrà qualche tempo, ma stando al Direttore Generale dell’Asl di Pisa ci sono buone probabilità di ripresa. E siccome i tempi della politica e della giustizia di questo paese sono sciaguratamente più lunghi di quelli impiegati da un ultrasessantenne a recuperare la salute dopo essere stato in punto di morte, tra qualche mese Adriano Sofri si ritroverà nelle medesime condizioni di una o due settimane fa; e allora, si rivolterà pagina, i fatti saranno nuovamente cambiati, e lui tornerà a vedere – se non il sole – almeno la luna da dietro le sbarre.

    Don’t embarrass your fans

    Filed under: — JE6 @ 10:37

    Il NYT pubblica un articolo di Business Tips; niente di strano, se non la fonte: gli U2.
    [Fra tutti i consigli, il più sensato mi sembra essere “Don’t embarrass your fans. They’ve given you a good life”. Poi, si può discutere su come razzola il predicatore]
    NYT (registratevi, una buona volta – oppure usate bugmenot.com)