< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • January 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/01/2006

    Il bello della deriva

    Filed under: — JE6 @ 22:13

    Il titolare, qui, ha tutte le intenzioni di continuare (e, se possibile, incentivare) le derive populistiche di chiunque.
    (In altre parole, anche uno molto intelligente come Daniele Luttazzi può dire e fare una cazzata, il che lo rende un po’ più umano).
    Daniele Luttazzi

    Non si trova mai un buco

    Filed under: — JE6 @ 21:52

    Non che la cosa sia importante, ma magari qualche indigeno sa spiegarmi perchè il parcheggio dell’aeroporto di Genova dispone di una sezione dedicata ad autovetture semibruciate, sventrate, senza le quattro ruote e così via.

    Palanche, figliolo

    Filed under: — JE6 @ 21:47

    Trattoria di Sestri Ponente. Il cliente meneghino si presenta alla cassa armato di Visa. Come risponde la gerente genovese, beh, quello lo sapete già.