< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/02/2006

    Lo sputo e il the

    Filed under: — JE6 @ 10:43

    Il fatto non è che “Sanremo è Sanremo”, qualunque cosa questo significhi. Anzi, il fatto è che Sanremo non è più Sanremo da un sacco di tempo, come ricorda – per la millesima volta – Michele Serra.
    Così, per provare a restare a galla, questa grande festa paesana deve snaturarsi rimanendo se stessa. Deve gridare “yo!”, essere glamour e cool, essere “moderna” come lo era Warhol nel 1965, ma deve anche far sentire a loro agio i provinciali in doppiopetto e le matrone che si ricordano di Caterina Caselli. Deve scioccare e rassicurare, sputare in faccia e offrire il the con i biscottini.
    Personalmente, dubito che questo esercizio di supremo equilibrismo sia possibile. Il che fa riflettere: non tanto su Sanremo, quanto sulle mille altre situazioni della vita sociale – certo più importanti – nelle quali la società stessa si spezza irreparabilmente in gruppi che hanno interessi e bisogni del tutto inconciliabili ma che, nonostante ciò, si tenta in ogni modo di tenere insieme, in uno sforzo costante e titanico di trovare un compromesso per tutto e per tutti. Sanremo non è più Sanremo, ma l’Italia è Sanremo ogni giorno.

    2 Responses to “Lo sputo e il the”

    1. sphera Says:

      Guardi che non mi pare che lo sforzo sia poi così titanico. La matrona in doppiopetto che ti sputa mentre ti offre the con biscottini riesce tutt’altro che difficile.

    2. ilaLuna84 Says:

      Sono pienamente d’accordo, per quanto riguarda sanremo. Trovare l’equilibrio è impossibile. Allora bisognerebbe avere il coraggio di fare una scelta: svecchiare il festival trasformandolo in uno spettacolo più giovane, vivace e irriverente? O mantenerlo statico e formale? Bonolis aveva scelto la prima opzione e, a mio avviso, la sua edizione di saremo è stata, a livello di spettacolo, la migliore degli ultimi anni. Panariello, a quanto pare, ha preferito cercare l’equilibrio impossibile. Risultato? Una pappetta insipida. A mio modo di vedere, ovvio.

    Leave a Reply