< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • March 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/03/2006

    In gabbia

    Filed under: — JE6 @ 15:20

    In Italia ci sono 207 carceri, e oltre 60.000 detenuti.
    Nel 55% delle carceri si sono verificati episodi di tubercolosi, e nel 66% episodi di scabbia.
    Negli ultimi otto anni, nel nostro sistema carcerario, si sono avute oltre 1100 morti; di queste, quasi 500 sono suicidi.
    Nel 2005, oltre 40 bambini con meno di tre anni vivevano dietro le sbarre, insieme alle loro mamme.
    Se ne volete sapere di più, non dovete spendere nemmeno un euro: fino al 19 marzo, alla Triennale di Milano.
    Triennale di Milano

    [OT – Marzia, spero che la mostra ti sia piaciuta. Se capiti da queste parti, scrivimi]

    One Response to “In gabbia”

    1. marzia Says:

      Eccoti, ti ho beccato.
      La mostra mi è piaciuta, ce l’ho ancora addosso.
      Faccio la scalinata della Triennale, bella, ampia, spaziosa, due secondi dopo entro da una porta e mi ritrovo in un percorso… carcerario.
      Improvvisamente lo spazio si restringe,tutto in bianco e nero, il disagio mi salta addosso nel giro di un metro quadro.
      Senso di fastidio immediato, mi danno noia pure gli altri visitatori, la vicinanza obbligata con le persone nelle stanze, insopportabile.
      Stare davanti ai televisori e vedere le persone cucinare, giocare a carte, fare le loro cose mi ha anche imbarazzato un po’.
      Sarà che avevo la possibilità di guardarli e loro no, di uscire e loro no, avrei voluto presentarmi, interagire.
      Mi ha fatto venire in mente anche la periferia, la fabbrica, come se la reltà fosse stata suddivisa in tante celle, come se noi passassimo la vita ad addomesticare il nostro corpo, perché tanto bene non ci stiamo nelle cella in cui ci vogliono o ci vogliamo infilare.
      Essere obbligati. Spazi di cemento riempiti con corpi, vuoti, tristi, rassegnati.
      Con il corto “campo corto” io e altre due donne ci siamo commosse.
      Sarà che siam femmine? mah

    Leave a Reply