< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • March 2006
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/03/2006

    No-place

    Filed under: — JE6 @ 12:32

    Andate e leggete: il settimo numero di sacripante!, dedicato alle cartografie, è on-line. Il titolare, qui, ha contribuito con qualche ricordo aeroportuale.
    sacripante!

    Sconfitta doppia

    Filed under: — JE6 @ 08:30

    L’altra sera ascoltavo Michele Serra; parlava del mondo – in particolare di quel pezzo di mondo chiamato Italia, di quel pezzo più piccolo chiamato Milano e di quel pezzo ancora più piccolo chiamato Ozzano nell’Emilia – e parlava di se stesso.
    Serra è uomo di sinistra, da lungo tempo. E’ uno che è venuto su combattendo suo padre e la borghesia di cui questo faceva parte, e che oggi, per molti motivi, si ritrova ad essere parte integrante e consapevole proprio di quella borghesia. Seppure con qualche concessione al tempo che fu (ad esempio: tutti i guadagni oltre i 5-6 milioni di euro/anno andrebbero tassati al 95%), dice e scrive cose che non saranno di destra, ma nemmeno sono ascrivibili alle bandiere rosse che ha sventolato in gioventù. Serra è l’esempio vivente della sconfitta di larga parte della destra e di altrettanta parte della sinistra di questo paese; mi pare che lo sappia, e mi pare che non ne sia contento. Io ho circa quindici anni meno di lui, e mi sento esattamente allo stesso modo.