< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • March 2006
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/03/2006

    Annichilito

    Filed under: — JE6 @ 17:57

    Se un amico straniero con la perversa mania di interessarsi alla politica italiana mi chiedesse cosa ne penso del ministro che firma una legge e due mesi dopo se ne esce fuori bel bello a dire che quella legge è “una porcata”, sarei in sincero imbarazzo.
    Perchè io, di fronte a uno così, non riesco ad avere pensieri. Calderoli batte Squonk per annichilimento. Rimango senza parole, ecco – e non è detto, lo so, che questo sia un male.
    Ma questo è davvero il meno. Non mi turba il rimanere basito di fronte al chirurgo maxillofacciale assurto al rango di Ministro delle Riforme (oggesù); mi preoccupa, sul serio, l’impossibilità di dialogo con chi – in modo sincero – pensa che il Calderoli sia uno che merita di essere votato ancora. Perchè credo che il chirurgo sia uno furbo, che come molti suoi sodali di parte politica ha fatto della spudoratezza uno stile di vita: “Me ne frego”, avete presente? E credo anche che chi continua ostinatamente a sostenerlo, invece, tanto furbo non sia. Avrei anche un aggettivo o due, da usare. Ma noi terzisti radical chic siamo così beneducati, sapete – e infatti gli spudorati ce lo sbattono sempre là dove non batte il sole.