< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • March 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/03/2006

    Giovani donne oggi

    Filed under: — JE6 @ 16:11

    [Moretti mi fa una pippa]
    Sex & The City* è stato una catastrofe culturale. Ho una figlia di cinque anni, e rabbrividisco all’idea che possa venire su intelligente, acuta, professionalmente realizzata, sexy; ma tendenzialmente sola, e con una borsa** al posto del cervello.

    * Che vale in sè, ma anche come metafora.
    ** Pare giusto, per par condicio, quotare Luca: “Ma quando noi uomini parliamo di iPod – per esempio: o di Elvis Costello – sembriamo così cretini come le ragazze quando parlano delle Birkin (si scrive così, spero)?”

    9 Responses to “Giovani donne oggi”

    1. pfd'ac Says:

      Ci sono pericoli peggiori: potrebbe decidere di iscriversi a CL, per esempio.

    2. leibniz Says:

      Se fosse ciellina avrebbe anche un gusto orrendo!
      Post perfetto.

    3. pm10 Says:

      mi permetta:se la scelta e-(chiedo venia, ma non trovo l-apostrofo su questa tastiera inglese) tra intelligente, acuta, professionalmente ralizzata, sexy e sola, oppure scema, stupida, insoddisfatta del lavoro, non sexy ma accompagnata….. imho non c-e- scelta. meglio la prima. tanto a me della borsa non intereessa 🙂

    4. ilaLuna84 Says:

      Una mia cara amica sostiene che ci sia una motivazione sociologica precisa alla sfrenata passione delle donne per lo shopping, così come ne esiste una per l’altrettanto sfrenata (e, a molte di noi, incomprensibile) passione maschile per il calcio.

      Cito le sue testuali parole:
      “da quando mondo è mondo, alla donna è sempre stato affidato il compito di raccattare il cibo e tutto quello che serviva all’abitazione, caverna o casa che fosse. Radici, bacche disgustose, frutta. La donna al mattino incontrava le amiche e usciva per fare la spesa. Proprio come accade oggi. Solo che non metteva lo yomo nel carrrello.

      L’uomo, d’altro canto, usciva per andare a caccia. Oggi però la spedizione in macelleria non richiede che pochi minuti. Niente violenza: l’animale è già morto e tagliato in tocchi e magari anche conciato. Così per soddisfare il bisogno di aggregazione in clan l’uomo si improvvisa tifoso e va alle partite o le segue da casa. ”

      Secondo me ha ragione!

    5. leisachi Says:

      a moretti si dovrebbe ricordare che nessuno viene influenzato ad alcunché, tantomeno da cose come la tv (i prodotti culturali). O esiste una propensione a quel che, o non la si può creare o inculcare dal nulla – al massimo si informa. E se esiste, in genere l’approccio morale aiuta a fraintenderlo più che a comprenderlo.
      Ciò detto mi chiedo se a suo parere esiste una relazione di consequenzialità tra i tratti caratteriali che vengono prima del punto e virgola e quelli che vengono dopo (di cui il secondo è già stato relativizzato da Luca: trattasi di tratto universale di vaga idiozia e gregarismo di gruppo propri di tutto il genere umano; resta il primo, la solitudine). Se non c’è relazione di consequenzialità, tutta la questione imo sfuma. Io, come tutti i genitori sani di mente, mi auguro che mio figlio sia intelligente, acuto, professionalmente soddisfatto e sexy. Ovviamente essendo figlio mio sarà anche goffo e svampito, il che magari lo renderà simpatico in mancanza delle suddette qualità. Che non sia solo, cioè che sia capace di empatia, penso che dipenda in gran parte dal papà e dalla mamma: probabilmente è una delle poche cose che si può provare a non sbagliare (lo dico da neofita, of course)

    6. Squonk Says:

      Leisachi: buona domanda. No, non credo che ci sia necessariamente un legame tra il pre e il post puntoevirgola. Ma noto l’esistenza del tipo umano, di quel tipo umano in particolare, e ribadisco il timore espresso nel post. Quanto al ruolo dei genitori, credo anch’io che ne abbiano uno: ma, anche in quel caso, non credo all’inevitabilità e alla prevedibilità del rapporto causa-effetto.

    7. mafe Says:

      E’ il collegamento che lascia perplessi: se non fosse sola, e avesse un bel cervello, e le piacessero molto le belle borse?

    8. Squonk Says:

      Come ho scritto al #6, non c’è necessariamente un collegamento. In quel caso, tutto bene (voglio bene alla piccolina, cosa crede?).

    9. marius8 Says:

      vorrei conoscere una donna che sappia darmi tutto

    Leave a Reply