< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • March 2006
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/03/2006

    Cannibali

    Filed under: — JE6 @ 15:39

    Prima il PresDelCons che dice che in Cina si bollivano i bambini (strano, con quella carne tenera – sarebbe bastato scottarli sulla griglia, come una fiorentina), poi il MinDellEcon che dice che la Cina ci sta mangiando vivi. Quando si dice la fame dei paesi in via di sviluppo, insomma.
    Corriere.it

    In salvezza delle unghie

    Filed under: — JE6 @ 13:10

    [Laura, le unghie ben tenute sono un must; e io non voglio sentirmi responsabile del loro deterioramento]
    Allora, ottimizzando tempo e risorse, riciclo con minimi adeguamenti una mail che forse fa capire come la penso sul blog-con-allegato-un-giornale. Con alcune delle autrici il discorso è andato avanti, ma il punto di partenza era questo.

    Sapete qual è il problema (per me)? E’ che voi non siete così come apparite (o come vi fanno apparire, con un certo grado di vostro consenso). E’ questo che disturba i seriosi come me, nel leggere la fatuità ostentata di Grazia. Capisco tutto, sapete? La linea editoriale, le superiori esigenze del business, eccetera. Però, insomma. E’ ovvio che il problema è il giornale. Noi, che siamo dei presuntuosi radical-chic, ci trastulliamo con la bazzeccola del “blog-con-un-giornale-allegato”: ma è lampante che il blog è stato pensato, voluto per essere un veicolo che portasse persone (e quindi contatti pubblicitari) dal web verso la carta. Che non sia il contrario risulta altrettanto evidente dalla mancanza di spazi e investimenti pubblicitari sul blog stesso.
    Il fatto è che voi siete i veicoli di questa azione: legittima, ci mancherebbe altro. Fossi il direttore marketing di Grazia, probabilmente avrei fatto lo stesso ragionamento: cinque-sei contratti di collaborazione, investimento modesto, se mi dice culo (perdonate il francesismo) aumento la readership di qualche centinaio o migliaio di contatti, e mi sono ripagato il tutto in abbondanza.
    Ora, siamo gente di mondo, non ci scandalizziamo di (quasi) nulla. Però, santamadonna, il blog ve lo state giocando adesso: sia la “linea editoriale”, sia il vostro “vorrei-ma-non-posso”, sia quel che sia, noto con orrore che tendete pericolosamente a fare la figura delle sgallettate fashion-addicted, con una Birkin al posto del cervello. Posso metterla giù pesante? Fate scappare la voglia di conoscervi di persona. E, una volta fatto il danno, non so se e come lo si rimedia.
    Invece voi non siete così. Lo dicono le vostre mail, come lo dicono diversi vostri post nei vostri veri blog. Sapete cosa ci vorrebbe? Un po’ di sana malinconia, quella che provano tutti gli esseri umani dotati di sensibilità, come voi. Ma per quella, temo, non ci sarà spazio.

    A piedi nudi nel parcheggio

    Filed under: — JE6 @ 13:01

    Trovo meraviglioso che i barefooter(s) – detti anche gimnopodisti, insomma quelli che vanno in giro vestiti di tutto punto ma a piedi nudi – mettano tra le motivazioni della loro scelta il ritorno al contatto con la natura, e poi si trovino costretti, per ragioni oserei dire elementari, a portare “sempre con loro un kit d’emergenza nel quale tengono una pinzetta per le sopracciglia per estrarre eventuali intrusi e carta vetro per levigare lo strato di “cuoio” da impurità.”
    Repubblica.it