< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • March 2006
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/03/2006

    In salvezza delle unghie

    Filed under: — JE6 @ 13:10

    [Laura, le unghie ben tenute sono un must; e io non voglio sentirmi responsabile del loro deterioramento]
    Allora, ottimizzando tempo e risorse, riciclo con minimi adeguamenti una mail che forse fa capire come la penso sul blog-con-allegato-un-giornale. Con alcune delle autrici il discorso è andato avanti, ma il punto di partenza era questo.

    Sapete qual è il problema (per me)? E’ che voi non siete così come apparite (o come vi fanno apparire, con un certo grado di vostro consenso). E’ questo che disturba i seriosi come me, nel leggere la fatuità ostentata di Grazia. Capisco tutto, sapete? La linea editoriale, le superiori esigenze del business, eccetera. Però, insomma. E’ ovvio che il problema è il giornale. Noi, che siamo dei presuntuosi radical-chic, ci trastulliamo con la bazzeccola del “blog-con-un-giornale-allegato”: ma è lampante che il blog è stato pensato, voluto per essere un veicolo che portasse persone (e quindi contatti pubblicitari) dal web verso la carta. Che non sia il contrario risulta altrettanto evidente dalla mancanza di spazi e investimenti pubblicitari sul blog stesso.
    Il fatto è che voi siete i veicoli di questa azione: legittima, ci mancherebbe altro. Fossi il direttore marketing di Grazia, probabilmente avrei fatto lo stesso ragionamento: cinque-sei contratti di collaborazione, investimento modesto, se mi dice culo (perdonate il francesismo) aumento la readership di qualche centinaio o migliaio di contatti, e mi sono ripagato il tutto in abbondanza.
    Ora, siamo gente di mondo, non ci scandalizziamo di (quasi) nulla. Però, santamadonna, il blog ve lo state giocando adesso: sia la “linea editoriale”, sia il vostro “vorrei-ma-non-posso”, sia quel che sia, noto con orrore che tendete pericolosamente a fare la figura delle sgallettate fashion-addicted, con una Birkin al posto del cervello. Posso metterla giù pesante? Fate scappare la voglia di conoscervi di persona. E, una volta fatto il danno, non so se e come lo si rimedia.
    Invece voi non siete così. Lo dicono le vostre mail, come lo dicono diversi vostri post nei vostri veri blog. Sapete cosa ci vorrebbe? Un po’ di sana malinconia, quella che provano tutti gli esseri umani dotati di sensibilità, come voi. Ma per quella, temo, non ci sarà spazio.

    30 Responses to “In salvezza delle unghie”

    1. Mae* Says:

      sir, il fatto che dopo svariate email lei riproponga qui il punto di partenza della discussione dovrebbe suggerirmi qualcosa? 😉 No, perchè è un po’ sconfortante.

    2. sere Says:

      sir: per quello che mi riguarda, io sono vacua e frivola con soddisfazione da anni, mica dal blog di grazia. che poi possa essere anche altro, altrove, è un’eventualità applicabile a qualunque ambito – compresi il mbg, il parrucchiere e la fila in cassa all’esselunga – ma decisamente non il punto del discorso. e che, a leggermi, non faccia venire voglia di conoscermi – perché dovrei poi, sono notoriamente una con grossi problemi di socialità – mi pare un problema inesistente. non è un blog personale, non racconto – seppur parzialmente – di me. non voglio ‘farmi conoscere’. racconto di alcune mie fissazioni per chi ha la cortesia di trovarle divertenti. non c’è altro, neanche un contratto a progetto, tra me e il blog di grazia. la bacio.
      per sempre sua devota sgallettata fashion-addicted wannabe che sarebbe solo felice se scoprisse sul serio di avere una birkin al posto del cervello.

    3. Effe Says:

      Sir,
      intervengo per contratto (mai stipulato, ma fa uguale), perché ho visto che nell’altro post lei è stato lasciato solo a fronteggiare le Erinni (lo si dice con simpatia, s’intende).
      Ora, la questione è semplice e vale in generale: la scrittua blog – lo dico anche per esperienza – quando si “cede” ad altri ambiti(e il fatto che siano ambiti a titolo oneroso non è affatto secondario) diventa altro da sé.
      E questo altro, in genere, non è migliore.
      E adesso la smetta di fare il piacione, con tutte queste signorine intorno (alcune sono anche sposate, perdio)

    4. Squonk Says:

      Mae*: non roviniamo la bella discussione avuta in privato. Laura ha chiesto spiegazioni sul post che ha originato la querelle. Io ho provato a dargliele partendo dall’inizio; nel frattempo, alcune di voi mi hanno privatamente dato le loro opinioni, che a volte condivido e a volte no – ma non potevo scrivere qui una noiosa Treccani delle mie idiosincrasie, lei mi capirà (spero).
      Sere: cerchi di prenderlo come un complimento, perchè tale vuole essere: non credo ad una sola parola di questo commento.
      Herr: “e quest’altro, in genere, non è migliore” mi pare un po’ fortina, come affermazione. Quanto al fare il piacione, non vede che mi stanno scorticando vivo?

    5. sere Says:

      sir, capirà che come base per una discussione è un po’ scarsina. purtroppo è tutto vero, spiace deluderla.

    6. Squonk Says:

      Il giorno di dolore che uno ha, insomma.
      Comunque, io non credo che la base per la discussione sia scarsa; non lo credo affatto, e non lo dico per vantarmi, anzi. Ma forse, la questione è molto più semplice: come ci siamo detti con la Maestrina, il sottoscritto è fuori target, e farebbe bene a rendersene conto, e tornare a interessarsi delle cose-da-maschietti, invece che preoccuparsi delle giovani donne che, in qualche modo, a volte gli tocca e a volte gli piace frequentare.

    7. sere Says:

      mi spiego, ché mai vorrei ferirla: se non mi crede, c’è poco che possa aggiungere. però possiamo giocare al juke-boxe: lei mia dia un argomento, io ci scrivo un post. anche un po’ malinconico.

    8. b.georg Says:

      ‘somma, un po’ come woody allen che va ad harlem col casco e urla “negri”.
      Ammirevole?

    9. Squonk Says:

      Poeta, se volesse tradurre il suo commento…

    10. b.georg Says:

      Lei non mi ha cultura cinefila allora. Era una sapida citazione che ammiccava al suo sprezzo del pericolo

    11. Squonk Says:

      Perdoni l’ignoranza, e accetti i ringraziamenti.

    12. Laura C Says:

      I VANTAGGI DI UN BLOG MULTIAUTORIALE E’ che siamo diverse. Io, ad esempio, frivola ci sto diventando. Non sapevo nemmeno le borse avessero un nome. Alla domanda “che borsa hai?” fino a poco tempo fa avrei risposto “piccola” oppure “blu”.
      Diventare frivola ha i suoi vantaggi ed è a un certo punto indispensabile. Ed è un pò come cedere le armi dopo anni e anni di guerriglia oziosa e fangosa nella Selva Lacandona e stendersi al sole dei Caraibi messicani a bere un Coco Loco.
      I VANTAGGI DI UN BLOG APERTO DA POCO è che ancora dobbiamo capire di cosa vogliamo (ciascuna indipendentemente) parlare. E cosa non siamo invece disposte a dire (cit. dalla Carta dei Diritti del Blogger Comune).

      Aspetto anche io trepidante, come Serena, il titolo del compito a casa. 🙂

      se ti ringrazio adesso, poi sembra io sia del tuo stesso parere? 🙂

    13. miic Says:

      cultura cinefila: chiedo scusa per il fuori tema, ma l’attribuzione di quella scena a woody allen è un falso tanto cialtronesco da fare tenerezza. il film (ridere per ridere in italiano, mi pare) era un’opera giovanile di john landis distribuita in italia solo dopo i successi dei blues brothers ecc. quello che nella scena citata urlava “negri!” era un tizio con gli occhiali, inquadrato da lontano: i distributori italiani lo fecero doppiare da oreste lionello (solo una parola, quella) e nei trailer spacciarono ad capocchiam il nome di woody, per il resto asente dal cast (vedi http://www.imdb.com/title/tt0076257).

    14. Carlo Says:

      Caro Sir, la vedrei bene sul blog (prossimo) di Men’s Health: si prepari un post su come avere gli addominali perfettamente scolpiti in quattro settimane, invece di pensare alle birkin.

    15. Chettimar Says:

      Sere: il juke-boxe: Squonk propone un argomento, le blogger-con-il-giornale-attorno lo prendono a pugni.
      (un titolo per il compito a casa potrebbe essere “Borsette contro campionato di calcio: la lacerazione del tessuto sociale italiano”)

    16. vis Says:

      Sarà che io sono dell’idea che non è mai l’argomento ad essere suscettibile di giudizio ma il modo in cui lo si affronta.

    17. marco Says:

      Io penso che ci sia sconcerto rispetto al blog di Grazia perche’ e’ una cosa nuova. E perche’ le donne del blog si stanno permettendo di sperimentare: stile, linguaggio, argomenti. Una cosa che i giornali di carta non possono fare, ma che il giornale allegato al blog non solo lascia fare, ma anzi incoraggia. Non c’e’ un’altra cosa simile in Italia e queste donne stanno dando grandi lezioni di stile e di ironia. E credo ci saranno piu’ uomini che avranno voglia di conoscerle, dopo averle incontrare su quelle pagine. Certo, saranno tutti uomini un po’ stupidini e leggeri, pero’ ragazze questo lo sapete: dopo i 30 anni vi dovete accontentare.

    18. farfintadiesseresani Says:

      Io la vedo così. Vi amo tutti.

    19. b.georg Says:

      miic, hai senz’altro ragione (il mio ricordo è piuttosto antico).
      “cultura cinefila” ad ogni modo era una gioviale battuta tra me e il Sir: io non vado mai al cinema.

    20. 003 Says:

      ho scovato il blog di grazia per caso. e da lì tutta la discussione. premetto che sono sostanzialmente d’accordo con le tue considerazioni di marketing rispetto al blog-con-giornale-allegato. da qualche mese io e 5 amiche trentenni abbiamo un blog collettivo in cui raccontiamo le nostre vicende, con post che spaziano dall’attualità politica, alla musica, alla moda, alla cultura. molto spesso siamo state accomunate, nei commenti, a sex&thecity, non so se a torto o a ragione. quello che credo, però, è che sex&thecity non ha fatto altro che mostrare ai vostri occhi quello che le trentenni erano già ben prima. cioè, noi siamo così, e checcefrega di sex&thecity. siamo abituate a trasformarci da fashion-victims nello shopping con le amiche a professioniste sul lavoro, da spalle preziose per i nostri compagni a casalinghe più o meno disperate alle prese con detersivi e ferri da stiro. l’universo è davvero sfaccettato. e c’è posto anche per la malinconia, per la sensibilità, almeno per quanto mi riguarda e per quello che leggo negli occhi delle comari che condividono con me il blog. e non è vero che restiamo sole, chissà come abbiamo compagni meritevoli, uomini complessi e problematici, rapporti umani da imparare a gestire. è difficile coordinare tutto questo, soprattutto nel blog. è molto più facile, chiacchierare di borse, a volte. e sembrare futili. molto più complicato è trattare temi più seri, e lo dimostra il fatto, già considerato più volte sul blog, che i commenti si sprecano per i post leggeri e capricciosi mentre latitano quando il post è più profondo. ma l’importante – e il difficile – è mantenere l’equilibrio, sia nella vita che nel blog, per quanto possa essere uno specchio deformante e insignificante delle nostre stesse vite. sempre perennemente su quel filo, passo dopo passo. tra crisi di shopping compulsivo e bollette, rate del mutuo, conti da pagare. tra contratti a tempo determinato e colloqui improponibili per lavori improponibili. tra le coccole con i nostri compagni e le sveglie all’alba per preparare la lavatrice prima di correre in ufficio.

    21. Zamm Says:

      Ma scusa, invece il Neri quando parla di reality ti sembra simpatico? 😀

    22. Squonk Says:

      Zamm: non guardo reality (dio, che snob) e quindi non leggo Gianluca quando ne scrive – nè lo ascolto quando ne parla in radio.
      003: ma lo so che siete così. E’ per quello che mi annoio e mi deludo quando date un’immagine monocorde/monotematica di voi stesse. Però, insomma, libere voi di rappresentarvi come meglio credete, ci mancherebbe altro. Vado a leggere il manuale del Razr, ecco.

    23. 003 Says:

      squonk, sono d’accordo con te. anche a me dispiace quando tutto quello che viene fuori è solo il lato frivolo e leggero, proprio perchè in realtà l’universo è complesso e variegato, e la vita è fatta di cose ben diverse dalle borse [alle quali, per inciso, io personalmente preferisco l’i-pod]. però sarebbe come dire che voi siete monotematici perchè parlate solo di tette e di calcio, e sappiamo bene che non è così. del resto, è molto più semplice, quell’immagine lì. e di sicuro impatto sui fruitori del blog, ad esempio. che vanno in cerca di leggerezza, e non di discussioni profonde [soprattutto, il target femminile. che cerca quell’immagine lì proprio per staccare per un attimo dalla realtà che ha intorno – ben diversa. proprio perchè… vorrei ma non posso]. questo, ormai, credo di averlo intuito. che poi, nel caso specifico, nel blog di grazia non ci sarà spazio per la malinconia, questo io non lo so. dipende sicuramente, a questo punto, da scelte editoriali e strategie di marketing.

    24. Effe Says:

      via, se il blog è di “grazia”, non può esserci “pesantezza”.
      L’importante è che sia equo.
      Un blog di grazia e giustizia, per dire

    25. kluz Says:

      Tagliando corto il fatto è solo uno : Squonk sei uno scassacazzo.
      Lascia vivere, è il blog di grazia non un manuale del metodo montessori.

      “noto con orrore che tendete pericolosamente a fare la figura delle sgallettate fashion-addicted, con una Birkin al posto del cervello. Posso metterla giù pesante? Fate scappare la voglia di conoscervi di persona. E, una volta fatto il danno, non so se e come lo si rimedia.
      Invece voi non siete così. Lo dicono le vostre mail, come lo dicono diversi vostri post nei vostri veri blog. Sapete cosa ci vorrebbe? Un po’ di sana malinconia, quella che provano tutti gli esseri umani dotati di sensibilità, come voi. Ma per quella, temo, non ci sarà spazio.”

      Che solfa.
      Io ad ogni modo la trovo una “posa” divertente.

    26. Squonk Says:

      Kluz, con la massima cordialità: vaffanculo.

    27. Carlo Says:

      Scusi, lei critica Rocca perchè parla (male) del suo amico Capezzolone e poi mi manda affanculo un commentatore con la massima cordialità?
      Io riformulerei in un semplice Kluz: vaffanculo.

    28. Luthor Says:

      “Squonk, sei uno scassacazzo”

      Quando uno se la va a cercare, e ripetutamente, e per una settimana…

    29. Squonk Says:

      Non ci si metta anche lei. E poi, c’è modo e modo. Non questo.

    30. severine Says:

      Povero Sir. E pensare che tutto è partito con un complimento.

    Leave a Reply