< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • March 2006
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/03/2006

    Gruesse aus Starnberger See – 4. A sensitive question

    Filed under: — JE6 @ 00:19

    Siamo a metà del primo, quando il collega inglese, con lo stile che solo i sudditi della perfida Albione sanno avere, appoggia il cucchiaio e dice “I have a quite sensitive question for you Italians – what about your Prime Minister?” – e a te viene da consigliargli di guardare bene che cos’ha nel piatto, hai visto mai che il cuoco sia un cinese, ma poi sopravviene la carità di patria, e allora.

    4 Responses to “Gruesse aus Starnberger See – 4. A sensitive question”

    1. Auro Says:

      quite sensitive, sottile humor in quel di albione, eh… 😉

    2. lester Says:

      Come si dice “che palle” in inglese?

    3. ermagister Says:

      o nasconde silente una furtiva lacrima
      o contrattacca sulla famiglia reale trattenendo virilmente la lacrima medesima fino a tarda sera (ricordi il piccolo patriota padovano nel libro Cuore)

    4. ilaLuna84 Says:

      Ma gli inglesi non dovrebbero parlare del tempo? 😀

    Leave a Reply