< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • April 2006
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/04/2006

    Il bello della vecchiaia

    Filed under: — JE6 @ 11:28

    Contro i perpetui di Ivan Scalfarotto ti accompagna per un lasso di tempo ancora più breve, diciamo da Madrid a Barcellona, a farla lunga. Ma si sa, never judge a book by its cover – or by its length.
    E’ difficile non essere d’accordo con molte sue posizioni, che sono di mero buon senso; questa, ad esempio: un paese senza giovani è un paese senza futuro.
    Però.
    Secondo Scalfarotto, i Perpetui (la classe dirigente over cinquanta) non se ne vanno, tengono un’intera generazione in anticamera. E tra le molte ricadute negative di questo riprovevole comportamento, c’è anche il fatto che la «classe creativa» fugge all’estero o si logora in interminabili gavette.
    Ora, pensare che chi ha raggiunto (per meriti o per cooptazione) un certo ruolo di potere decida autonomamente di lasciarlo per sopraggiunti limiti di età, invitando la generazione che segue a prendere il suo posto, è un desiderio piuttosto naive, soprattutto in un’epoca in cui, almeno da un punto di vista fisico, si diventa vecchi davvero molto tardi. E io non credo che Scalfarotto sia naive.
    Quindi, si suppone che stia alle giovani e scalpitanti generazioni darsi da fare per scalzare, con le buone o con le cattive, i barbogi che occupano da decenni le cosiddette stanze dei bottoni. Ma, evidentemente, questo non avviene. Certo, per le resistenze dei barbogi di cui sopra. Ma anche per altri motivi. I nostri genitori, e i nostri nonni prima di loro, messi di fronte alle impellenti necessità della vita e spinti dal loro desiderio di una vita migliore, si sono imbarcati sui più improbabili piroscafi e sui treni più scalcinati, e se ne sono andati a milioni – in Argentina, negli Stati Uniti, in Belgio, a Milano e a Torino. E gli Andreotti e i Ciampi, sessant’anni fa, si sono imposti come classe dirigente, a volte affiancando ma più spesso sostituendo i barbogi dell’epoca.
    Dove voglio arrivare? Al fatto che i giovani di questo paese, nella grande maggioranza, non stanno bene, no; ma non stanno abbastanza male da fare la rivoluzione che Scalfarotto pare augurarsi ma per la realizzazione della quale non sa dare idee e consigli pratici. Così, aspettano il loro tempo, che prima o poi verrà: l’Italia non è un bel posto per essere giovani, ma ci si invecchia da dio.
    Il Saggiatore