< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • May 2006
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/05/2006

    Riposati, Carlo

    Filed under: — JE6 @ 11:54

    Io non ho mai avuto l’impressione che Carlo Azeglio Ciampi fosse uno squalo assetato di potere o l’equivalente labronico del Patriarca di Marquez. L’ho sempre visto come un uomo molto serio e molto capace, che grazie alle sue doti e a particolari avvenimenti storici è arrivato ad essere Governatore della Banca d’Italia, Presidente del consiglio e Presidente della Repubblica.
    Ora, l’uomo ha ottantacinque (85) anni. Faccio fatica a credere che desideri arrivare all’età di 92 passando altri sette anni a firmare o respingere leggi, a fare il giro delle centotre province, a proclamare appelli per l’unità nazionale e contro il pessimismo cosmico che ormai ci contraddistingue nel mondo intero. Faccio fatica a credere che voglia continuare a fare la vita che sta facendo.
    Io, al posto suo, chiamerei i due PresDelCons (l’ex e il prossimo) e gli direi: sentite, pischelli, io sono stanco. Lasciatemi perdere, cercatevene un altro. Non fatemi fare la fine del Papa, quello di prima. Fatemi godere la bisnipote, le partite in televisione, i maglioni e le scarpe comode. E poi, non pensate che se dopo sette anni non riuscite a trovare un’altra persona che va bene per ‘sto mestiere, siete messi molto peggio di quanto non crediate di essere?