< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • May 2006
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/05/2006

    Il pericoloso liberaldemocratico

    Filed under: — JE6 @ 16:35

    La campagna elettoral-presidenziale del centrosinistra è stata tutt’altro che esemplare. Ma quella del centrodestra, guidata dalla ridicola e inquietante richiesta del “mai un comunista al Quirinale” (ridicola perchè pare che i comunisti siano cittadini con pari diritti rispetto a tutti i loro compatrioti, inquietante perchè – nonostante la sua palese infondatezza – viene invece considerata accettabile e pubblicamente esprimibile), sta portando a dei risultati a dir poco comici.
    Un esempio su tutti: ieri Letizia Moratti, richiesta da Barbara Palombelli di un giudizio su Giorgio Napolitano, si è esibita in un balletto imbarazzato e imbarazzante, esordendo con un “lo conosco bene” (Silvio, mi candido a sindaco di Milano e mi devo mostrare come donna di esperienza politica), continuando con un “ha una storia di uomo di parte” (vado bene così, Silvio?) per poi trovarsi costretta a concludere “è certamente un liberaldemocratico” (Silvio, giuro, mi è scappata!).
    Per inciso, la Palombelli pensava di procurare imbarazzo alla Moratti chiedendole di Napolitano, ma la domanda che ha mandato in palla la signora candidata è stata quella sul suo indirizzo e-mail al quale i cittadini le avrebbero potuto inviare richieste e pareri; la risposta è stata “dunque… ehm… letiziamoratti… … … chiocciola… ehm… punto ittì”. La Palombelli, che è buona, ha detto “dunque, questo è il suo sito Internet, la sua e-mail invece è?” e la risposta è stata identica alla prima – alla radio non si vedono le goccioline di sudore che imperlano una fronte, ma si possono immaginare molto bene.