< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • May 2006
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/05/2006

    Stessa età, più o meno

    Filed under: — JE6 @ 21:50

    Stando a quel che ho sentito, il ghost writer del Presidente della Repubblica deve essere Arnaldo Forlani (è ancora vivo, vero?).

    Noi (e voi)

    Filed under: — JE6 @ 12:19

    Il giusto contrappasso per tutti coloro che del “noi” calcistico hanno fatto una bandiera (abbiamo vinto lo scudetto) mi pare l’essere inseriti d’ufficio nella categoria dei ladri e degli intrallazzatori (avete truccato le partite).
    Purtroppo, siccome abbiamo fatto ben pochi passi avanti dai tempi dei Guelfi e dei Ghibellini, in queste grandi famiglie vengono inseriti anche i tifosi più all’acqua di rose – cornuti e mazziati, business as usual.

    Travagli

    Filed under: — JE6 @ 11:39

    Dando alle parole il peso che meritano, posso dire che Marco Travaglio mi suscita i famosi sentimenti di amore-e-odio. Non posso fare a meno di considerarlo come uno di quei mastini del giornalismo di cui si sente un bisogno reso ancora più forte e urgente dalla palese scarsità dell’articolo, ma non riesco a non inquietarmi quando lo sento parlare di valutazioni etiche e morali a prescindere dai risultati dei processi (un conto è la giustizia e un conto è la legge, il concetto è più o meno questo). Ieri sera Travaglio era ospite di “Che tempo che fa“, e mentre lo ascoltavo pensavo le cose che ho scritto qui sopra.
    Pensavo anche che, nel famoso “Paese normale”, un paese capace di avere abbastanza dignità e rispetto di se stesso da pulirsi senza aspettare di essere pulito (dai magistrati e dai giudici), Travaglio sarebbe solo e semplicemente quello che dovrebbe essere (e che, onestamente, lui dice di essere): un cronista di giudiziaria. Invece, siccome viviamo nell’emergenza continua, e ci tocca assistere quotidianamente alla protervia del malaffare e al girotondo dell’indignazione, Travaglio assurge a simbolo, a paladino. Mala tempora currunt, e correranno ancora per un pezzo, credo.
    Wittgenstein, Che tempo che fa