< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • May 2006
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/05/2006

    Derive

    Filed under: — JE6 @ 09:09

    Continuo ad essere convinto che Report sia un’ottima trasmissione, resa ancora più preziosa dal fatto di essere una delle pochissime a praticare il famoso “giornalismo d’inchiesta”. Però mi sembra di notare una specie di deriva in stile “Mi manda RaiTre”, sia nei toni che nella descrizione dei fatti.
    Ieri sera, ad esempio, parlando dei bilanci Parmalat, gli autori del servizio hanno puntato l’indice su Deloitte ma non hanno parlato di Grant&Thornton; a quanto mi ricordo, la prima certificava il bilancio consolidato del gruppo, ma la seconda aveva l’incarico per i bilanci delle società operative – cioè quelli dove effettivamente si nascondevano le frodi; e la differenza, non occorre essere degli esperti di finanza o di contabilità, non è di poco conto.
    Sempre ieri sera, tanto gli autori dell’inchiesta quanto la Gabanelli si sono mostrati grandemente scandalizzati per quello che, secondo loro, è l’iniquo trattamento che le compagnie assicurative riservano alle donne quando queste iniziano a riscuotere le rate delle loro pensioni integrative (per farla breve: a parità di condizioni di età e di versamenti, un uomo riscuote mensilmente una somma maggiore rispetto ad una donna, che ha però un’aspettativa di vita decisamente più elevata e quindi, presumibilmente, incasserà una somma più piccola ma per un periodo di tempo più lungo), senza spiegare che, se non si applicano cautele di questo tipo, si fa facilmente la fine dell’INPS.
    Insomma, a me la Gabanelli continua a piacere – e molto; non vorrei vederla trasformata in un clone di Lubrano, di Vianello o – Dio ci scampi – di Anna Bartolini.