< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • May 2006
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/05/2006

    Basta che non diventi come quello della Nastro Azzurro

    Filed under: — JE6 @ 13:42

    Lo segnalo perchè è il figlio di un quasi-collega (nel senso, uno che conosco e che lavora nel piccolo microcosmo del marketing diretto italiano); ma lo segnalo anche perchè Simone ha quattordici anni, ed è bello leggere le sue emozioni, le sue paure e le sue prime soddisfazioni di pilota motociclistico. Basta, appunto, che non diventi come quell’insopportabile ricciolino che faceva la pubblicità della Nastro Azzurro (quello che, adesso che non vince, è tutto un “soffriamo il chattering”, “le gomme non tengono” – do you remember Max Biaggi?)
    Ora sono un ragazzo che corre in moto

    Questa l’ho già sentita

    Filed under: — JE6 @ 10:50

    Dunque, nel 1994 il centrodestra si trovò in eredità dei conti disastrosi. Lo stesso avvenne nel 1996 al centrosinistra. Nel 2001 il centrodestra, ritornato nelle stanze dei bottoni, affermò di aver trovato un buco di dieci-quaranta-venti miliardi di euro (le versioni cambiavano di giorno in giorno, ma il tenore era quello). Adesso, il centrosinistra dice che i conti pubblici stanno messi peggio di come fossero nel 1996.
    Insomma, pare che non si riesca mai a toccare il fondo (per poi risalire). Siamo sempre capaci di scavare.