< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/10/2006

    Smacchiatore Michelangelo

    Filed under: — JE6 @ 09:32

    Più passa il tempo, più vado (o torno) in città oltre confine, più mi convinco che noi italiani siamo vittime del pazzesco splendore del nostro passato. E’ come se il Colosseo, gli Uffizi, San Marco, il Castello Sforzesco, il Maschio Angioino, Michelangelo e Tiziano e Leonardo e il Canaletto e Piero della Francesca fossero gli smacchiatori delle brutture e delle sciatterie che ci circondano e che ogni giorno contribuiamo fattivamente a rendere ancora più brutte e più sciatte.
    Alla fine, credo che sia bello ciò che ci rende bella e piacevole la vita. Pensate alle fermate della metro, oppure agli aeroporti di Milano o di Roma. Il grigiume diffuso, la povertà degli arredamenti, la mancanza di una qualsiasi idea minimamente brillante per attirare l’attenzione dei passeggeri. Pensate a tante (non tutte, certo) le fermate della metro di Parigi, di Londra, di Madrid: i mosaici, le decorazioni ad hoc legate alla piazza soprastante, le mostre di quadri o fotografie. In questi giorni, tutti i vagoni della metro di Madrid hanno almeno un piccolo manifesto che riporta una poesia o un racconto. E’ una sciocchezza, ma penso che – anche in modo un po’ subliminale – alzare gli occhi dalla free press e leggere una frase di Rilke o una poesia dedicata a New York può renderti, come dire, migliore.
    Noi, invece, nulla. Che ci frega, tanto noi abbiamo la Fontana di Trevi e il Duomo, e poco importa che magari passiamo sei mesi senza passarci davanti per bearci del loro splendore.