< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/10/2006

    In eccesso sì, a comando no

    Filed under: — JE6 @ 16:53

    Carlo Annese ha ripreso su Quasirete il post di questa mattina su Valentino Rossi e sui suoi cantori. Nell’introduzione, Carlo scrive: “Squonk se la prende con i cantori dell’eroe che si costernano in eccesso o a comanda. C’è chi ci chiamava pennivendoli, ma il concetto non è poi tanto diverso.” Ho pensato di non essermi spiegato bene, così ho lasciato da quelle parti un commento che, ottimizzando tempi e sforzi, riporto pari pari qui sotto. Adesso, spero di essermi fatto capire.
    Carlo, permettimi un chiarimento che ritengo importante – per quanto possa essere considerata importante la materia. Non ho parlato di costernazione a comando. In eccesso sì, a comando no. Ci tengo, perchè – da normalissimo lettore e telespettatore – almeno nel caso specifico non ho alcun sospetto sulla “moralità” delle persone che ho citato, mentre tu invece scrivi “C’è chi ci chiamava pennivendoli, ma il concetto non è poi tanto diverso.”
    Per dire, a me Meda e Reggiani piacciono molto, mi fanno ridere quando cialtroneggiano, non esagerano in tecnicismi, si rivolgono alla grande e molto particolare famiglia dei bikers senza però escludere quelli che le moto le vedono soltanto in televisione. Le gare della 125 e della 250 me le godo proprio.
    Sono invece infastidito dal culto della personalità, che ha trovato in Rossi un oggetto/soggetto a volte consenziente e a volte indifferente. Il culto della personalità che poi porta qualcuno a commentare (completamente fuori luogo, come tu hai fatto notare) “Rossi è meglio di Biaggi anche se ha perso, lui è un eroe è l’altro è un mediocre, cicca cicca”. Tutto qui, solo una questione di senso della misura, che renderebbe tutto e tutti più umani, più gradevoli, più “vicini” – anche quel presunto automa di Daniel Pedrosa. Ciao, e grazie.
    Quasirete

    Leave a Reply