< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • November 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/11/2006

    Padania rossa

    Filed under: — JE6 @ 14:03

    Qualche anno fa, Massimo D’Alema parlò della Lega come di una forza popolare, e in quanto tale certamente vicina alla sinistra.
    Ora, cosa diavolo dovevano fare Bossi e i suoi per convincere i DS della totale infondatezza di quel giudizio, più di quello che hanno davvero fatto? La situazione è davvero così disperata?
    Corriere.it

    5 Responses to “Padania rossa”

    1. titta Says:

      e giovanni lindo ferretti alle ultime elezioni ha votato centrodestra, per tornare a casa,reduce.
      il mondo non è più quello di una volta!

    2. caporale Says:

      i radicali (che secondo me ci han fatto quasi perdere le elezioni, ‘sti stronzetti di città) e mastella sono davvero più di sinistra di maroni?
      come on.*

      * paese che vai usanza che trovi.

    3. Squonk Says:

      Cap., la risposta è “No, certo”. Il che non significa che oltre agli uni bisogna per forza includere gli altri (non aggiungiamo la beffa al danno, ecco).

    4. Jekyll Says:

      Se si vuole intendere la dicotomia sinistra-destra come progressisti-conservatori, i primi difensori della modernità e i secondi della tradizione, allora i radicali sono estrema sinistra. Se la si vede sul piano economico come socialisti-liberisti, allora i radicali stanno all’estrema destra. Se si usa la macchina del tempo e la si vede come comunisti-fascisti (ma per alcuni la Delorian non serve) allora non stanno da nessuna parte. Questo è sufficiente per finirla una buona volta di parlare di destra e sinistra come se le posizioni politiche possano essere bellamente allineate in uno spazio monodimensionale. Facendo il giochetto con la Lega non viene bene lo stesso: nel primo caso si potrebbe metterli tra i conservatori (anche se inizialmente si proposero come forza riformatrice e la svolta tradizionalista è relativamente recente); nel secondo caso si potrebbe metterli, ebbene sì, tra i socialisti (la politica economica della Lega è modellata sugli interessi di piccoli imprenditori che vogliono essere protetti dalle importazioni, di liberismo non se parla proprio); nel terzo caso li metterei vicini ai fascisti. Il leghismo è una sorta di piccolo fascismo in cui il nazionalismo è stato sostituito dal localismo, per il resto c’è molta affinità. In quanto a Maroni, anche a me sta simpatico e pure Bossi per la verità (simpatia precedente ai problemi vascolari, il capitolo che gli dedica Montanelli nella sua storia d’Italia è quasi commovente). Sì è vero, ci sarebbe il problemuccio della xenofobia, del razzisimo, del populismo e dello scarso spessore di tutti i loro amichetti, ma si tratta di una compagnia di giro, che pretendete? Probabilmente cambierei idea se avessi a che fare quotidianamente con elettori leghisti e avessi modo di tastarne le notevoli capacità cognitive; ma fin tanto che non ci ho a che fare posso pure ridacchiarne. In quanto all’esito delle elezioni, dissento dall’opinione di caporale. Il CS ha quasi perso, tralasciando gli ipotetici brogli, in minima parte per le faccende di gennaio di Unipol ma soprattutto per l’eterogeneità della coalizione, che già lasciava intendere un governo tanto traballante da rischiare l’inconcludenza. Questo l’hanno potuto vedere chiaramente anche i più distratti a poche settimane dal voto, quando sono state rilasciate dichiarazioni contrastanti e inquietanti sulle tasse. Anche la presenza dei radicali ha certo contribuito alla scarsa compattezza, ma il problema era ed è più ampio e riguarda la convivenza tra forze politiche vicine alla CGIL e riformisti che vorrebbero attrarre il consenso di professionisti e imprese. Ah e poi c’è la legge elettorale, in molti hanno sostenuto che con il mattarellum Berlusconi avrebbe vinto, deduzione fatta in base alla distribuzione dei voti dell’11-12 aprile. Io invece dico che la legge elettorale-porcata ha danneggiato enormemente Prodi e il centrosinistra. Ha annullato l’effetto delle primarie e indotto i numerosi partiti della coalizione a fare corsa a sé. Con effetto dirompente nel CS e salutare nel CD. La campagna elettorale sarebbe stata diversa e nel maggioritario ci sarebbe stata una vittoria schiacciante. Poi avremmo pure potuto sperare in un governo decente. Ma per come sono andate le cose c’è stato poco da illudersi. Anche se ora tutto rema contro non è detto che nella prossima partita le cose possano andare meglio, a patto che in questa legislatura accadano due cose: 1. modifica radicale della legge elettorale, maggioritario all’inglese o meglio ancora doppio turno (eventualità estremamente improbabile; la legge potrebbe venir modificata ma non in maniera sostanziale) 2. morte politica di Berlusconi, che scompiglierebbe le carte e renderebbe imprevedibile l’esito delle prossime elezioni.

    5. caporale Says:

      Jekyll, non sono un politologo, ma secondo me i radicali hanno fatto scappare più voti di quelli che hanno portato (a un certo punto non avevano firmato il programma dell’unione e tieni conto che in passato si erano fatti le pippe dalla gioia per la guerra preventiva. alla fine della fiera hanno fatto campagna quasi esclusivamente sui pacs e, con tutto il rispetto, gente che si definisce politicamente in base ai pacs peronalmente in giro ne ho trovata pochina. l’agenda Giavazzi se la sono ricordata dopo, quando era il momento di criticare Bersani, troppo timido, bisognava lasciar fare a Capezzone)

    Leave a Reply