< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • November 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/11/2006

    Saluti da Chioggia – 5. Jackie Tonight

    Filed under: — JE6 @ 22:32

    Entro in una calle, della quale leggo e subito dimentico il nome. Mi fermo davanti a una piccola porta di legno, a fianco della quale stanno un cartello con i nomi di alcuni piatti e un lumino da morto. Acceso. Chiedo all’uomo che sta sulla soglia se il locale è aperto. Mi dice che quella è una casa privata, che dà da mangiare solo agli amici che vengono a trovarlo “da mezzo mondo”, ma che se ho voglia e piacere mi offre un bicchiere di rosso – “hai da fare?”, “no, ma non ti voglio disturbare”, “ma entra, allora non hai capito niente”.
    Entro, e l’uomo, che sembra John Lennon in versione guru indiano – solo, senza occhiali – dopo due minuti mi ha piazzato in mano un bicchiere, e dopo due minuti e mezzo lo ha riempito di un rosso fresco e abbastanza leggero da scendere con facilità quasi eccessiva. “Hai mangiato?” mi fa. “No, stavo giusto andando a cena, è per quello che ti ho chiesto se il locale era aperto, pensavo che fosse un piccolo ristorante”. “Siediti, ti preparo un pesce che neanche te lo sogni”.
    A volte non ti rendi nemmeno conto delle cose che succedono. Così, cinque minuti fa camminavo vicino ad un canale che sfocia in laguna, e adesso sono seduto in un locale microscopico, poco illuminato, con la panca appoggiata ad un confessionale rubato in chissà quale chiesa, a guardare un perfetto sconosciuto che dice di chiamarsi Jackie Tonight mettere sulla griglia un pesce enorme e un pezzo di polenta – “siediti e versati quello che vuoi”, mi dice. Arriva con una padella di cozze, mentre mi racconta dei suoi nove fratelli, uno che fa il cantante e l’altro che ha perso una miniera di diamanti, la madre in un ricovero di San Giovanni Lupatoto in attesa della pensione di guerra del padre marinaio morto a quarantanove anni dopo essere stato accusato di diserzione per aver lasciato il porto di Trieste per andare a vedere uno dei dieci figli appena nati, le vincite al lotto, il figlio che lavora in fabbrica e la moglie che fa la cuoca negli alberghi, “io mi sono ritirato da tutto, sto qui e offro quello che ho a chi entra, e non me ne frega più un cazzo”, ed è tutto un mix di storie vere o verosimili e di millanterie straordinarie, mentre inizio a mangiare pesce – pesce! io che lo odio – e polenta e vino, “sai, oggi mi sono fatto qualche bicchiere più del solito, ma sono contento così, e poi questo pesce alla Pecos Bill com’è?” – “Buono, cazzo, sul serio”.
    Parliamo per un’ora, “di dove sei?” mi chiede, e io “Milano”, e lui “Quando torni a casa dillo in giro che sei stato da Jackie Tonight, digli di venire che qui un bicchiere di vino c’è per tutti”, e alla fine mi fa fare il giro della casa, e giuro che in una stanza ha una bara, e c’è uno spazio che chiama “la mia tomba” e c’è la sua foto da giovane come se fosse appesa su una lapide e poco sotto un lumino come quello che stava fuori in strada, poi insisto per pagare, per lasciare qualche soldo non per il pesce che ho mangiato io ma per quello che mangerà qualcun altro come me, domani o dopo, ma Jackie Tonight non vuole nulla, dice “mi ha fatto piacere trovare un amico che viene da fuori”, poi esco, mi stringe forte la mano, mi dice di guidare piano, e salgo gli scalini di un ponte che scavalca un canale.

    54 Responses to “Saluti da Chioggia – 5. Jackie Tonight”

    1. farfintadiesseresani Says:

      Se stamattina senti uno strano bruciore nella zona perianale, sappi che quello che hai bevuto non era solo vino, e che hai pagato, eccome (scusa, sai com’è, noi cinici che non crediamo più a nulla…).

    2. pm10 Says:

      non e’ che a essere troppo cinici si perde il lato bello e a volte naif della vita? pm10 cinica acida in pausa caffe’.

    3. lester Says:

      Io credo che dopo due minuti avrei avuto paura. E avrei fatto male ad averne.

    4. miic Says:

      Pensavo che per il Post sotto l’albero ci fosse ancora un po’ di tempo

    5. vic Says:

      La vita è un sogno, o i sogni aiutano a vivere?

      Perché era un sogno, vero?

      P.S. chi oggi à, domani darà. Firmato: il piccolo enigmista incapace.

    6. copiascolla Says:

      Come dico sempre io, le cose migliori capitano all’improvviso e in Veneto.

    7. clara Says:

      come si dice, cose straordinarie càpitano a persone straordinarie.
      molto bene, molto benni. sarà il mare che ispira.

    8. ilaLuna84 Says:

      …Però è quasi commovente constatare come alcune persone sappiano essere cordiali e generose con gli sconosciuti!

      PS: come fa a non piacerti il pesce?!?

    9. Squonk Says:

      FFDES: legga pm10.
      pm10: legga FFDES (o magari no)
      Lester: ogni tanto faccio di queste cose (la storia di Jimmy ad Atlanta la racconto un’altra volta), chiedendomi cosa mi passa per la testa. Sono tutt’altro che un cuor di leone, sia chiaro.
      Miic: in effetti, potrei ricicciarlo.
      Vic: lei ha troppi pochi capelli per marzulleggiare.
      Cs: non mi costringa a rivelare ciò che lei pensa dei veneti.
      Clara: straordinarie? Mapercaritadiddio, lasci perdere.
      Ila: il pesce, tranne in rarissimi casi (come questo) è veramente immangiabile.

    10. laflauta Says:

      Quando dicevo “chieda direttamente al gestore cos’ha di fresco e si lasci consigliare…” non intendevo proprio Jackie Tonight!

      Ma ho un’invidia colossale. Dovevo dirglielo. La prossima volta non cerchi scuse, capperi. Che una cantata con Jackie tonight mi manca, nel curriculum…come il rosso col pesce, a dirla tutta.

    11. Squonk Says:

      Come glielo devo dire, santocielo, che lei è troppo bionda (non per i miei gusti, ma per i miei ormoni)? E poi: non amo il pesce, ma mi dicono che si deve accompagnare col bianco. Che è ciò che Jackie ha fatto.

    12. Alister Says:

      Mi sembrava di essere in un film minimalista italiano. di quelli belli. Qui pochi. Consolati 😉

    13. Burtkokain Says:

      io ci sono stato due volte…ieri (la mia seconda volta) mi son fatto un pranzetto dal mitico jackie.
      descrizione perfetta del luogo e della persona che ti accoglie sulla porta.
      menu’ semplice,padelle in ferro battuto vecchissime,candele,vino e quest’aria da pirati.
      per chi lo conoscesse,sembra di entrare sul gioco “Monkey Island”,con pirati e sortilegi voodoo.
      merita una visita sicuramente!

      ola

    14. Sebastiano Says:

      Sono stato ieri a mezzoggiorno, per la prima volta, con 2 amici, da Geckie(Geckie suggerisce il mezzogiorno in quanto alla sera non è consigliato per chi viene da fuori…).
      uno di questi miei 2 amici oggi mi ha mandato il link di qst blog che ha trovato oggi_lui a casa di Geckie cè già stato 2 volte, con suo zio.
      L ha scoperto in quanto suo zio ha amici a chioggia.

      Sembra di essere in un altro mondo, qulacosa tipo Monkey Island, a bere “Grog”, con il pirata Le Chuck…

      …confermo la recensione tua, pure la parte della bara e delle lapidi…

      …lui ci stava aspettando sull uscio di casa…ci ha riconosciuto all istante in quanto abbiamo telefonato tre orette prima che ci aspettasse x le 2…eravamo in 3.
      ci chiese se stavamo bene, la prima volta che in 2 su 3 lo vedevamo ma già ti sembra di conoscerlo da tempo…ci fa segno d entrare; sulla sinistra un ex-confessionale e un tavolino illuminato da una candela dove lui si leggeva le carte…aglio e peperoncino appeso, sparso…

      ci accompagna al tavolo di fronte al caminetto e una volta seduti ci dice che oggi ci darà un pò di “saor”(sarde con cipolle al forno-piatto tipico), un pò di cozze in padella, spaghetti alle vongole e gamberi e 3 branzini con patate arrosto…prende e se ne va…ancora a viaggiare con la mente guardandosi attorno e commentando immaginando pirati, forzieri, rhum etc.etc…porta un litro di bianco da damigiana e una bott. da 1lt, mezza vuota bevuta da altri…

      …una donna bionda molto solare e allegra(sua moglie???) scende le scale e ci ha rivolto un paio di frasi di cortesia, stava uscendo(è scesa dai piani alti), tipo se andava tutto bene e che è contenta che siamo andati li…alla nostra domanda di poter fumare dentro molto semplicemente ci ha risposto >

      …e iniziammo dal “saor”…

      …per arrivare poi…

      …al momento del caffè…lui ha urlato su per le scale >…poi inizia a spiegarci che aveva intenzione di darci la bottiglia di grappa e limoncello ma la sera prima una tavolata gli ha spazzolato il tutto ed essendo domenica non possiamo averne…lo stesso è valso per il pane…mentre il dolce ce l ha scartato direttamente davanti con la confezione della pasticceria e l ha infilzato nel mezzo con un colteello…>…

      ho fatto qlc foto al nostro nuovo rifugio e al nuovo amico…cmq sia…noi ci torneremo spesso e volentieri…

      …in fine ho chiesto se potevo avere anch io il suo numero di telefono e lui mi ha lasciato sulla tavola il suo nuovo biglietto da visita dove chiama il locale “Magic Club”…

      …è assolutamente da andarci, un esperienza indimenticabile…grazie Geckie, alla prossima!!!

      Sebastiano_Luca_Alessio – Vicenza

    15. Sebastiano Says:

      hihi…ora vedo il messggio che precede il mio…saluti a tutti, cinici o meno…take care!

    16. Andy_spiz Says:

      Ciao a tutti, devo confermare pure io l’ottima cucina di pesce del Jackie. Noi veneti ci difendiamo sempre. Se magna proprio ben, è oramai una leggenda…rustico e ruspante il personaggio ma buona soprattutto la cucina. Qualcuno di voi può gentilmente ridarmi il numero telefonico del Jackie? Purtroppo l’ho smarrito…grazie comunque, AndySpiz

    17. Luken Says:

      ma si può avere il numero o l’indirizzo grazie???

    18. mariangela Says:

      vorrei sapere come posso fare x mettermi in contatto con lui … un numero di telefono magari ci vado proprio domani!!

    19. mariangela Says:

      x favore il numero di telefono di Jackieeeeee è urgentissimooooo vi ringraziooo

    20. baby Says:

      tempo fa chiesi anche io informazioni, ma qualcuno ha avuto il caraggio di cancellare il mio messaggio da questo sito, e nessuno mi ha poi più contattato……uffi!!!

    21. barbara Says:

      vi prego non cancellate questo messaggio: ho bisogno di avere l’indirizzo del posto e il n di telefono. il 16 settembre p.v. è il mio 1° anniversario e siccome mio marito e patito del gioco monkey island, vorrei regalargli un pranzo originale.
      vi posto il mio indirizzo email babyzamengo@hotmail.com

      grazie.

    22. barbara Says:

      cari signori ho chiamato l’ufficio turistico di chioggia e in via confidenziale mi hanno detto che il locale si trova in calle caneva. prendendo il corso quasi alla fine sulla destra. per chi trovasse ilnumero prego di metterlo. intanto abbiamo l’indirizzo.
      ciao a tutti!!

    23. barbara Says:

      041/403700
      328/1420497

    24. Sebastiano Says:

      …dopo qlc mese rispolvero qst pagina…ero curioso di vedere il proseguio dei commenti e vedo che c è stata una certa curiosità…

      solo per ricordarVi che Mr Gackie, a chi non conoscesse potrebbe chiudere la porta in faccia…alla fine si cena dentro casa sua…

      Buona Voodoo-permanenza, sull Isola Melee…
      Rgds
      Sebas

    25. Sebastiano Says:

      e Vi ricordo che il menù lo decide il Mr, così come tutto il resto…

      …porateVi il Grog da casa!
      😉
      e potete restare da lui tutto il giorno tra sigarette, partita a carte e via dicendo…

      hola,
      Sebas

    26. Simone Says:

      ciao fenomeni!
      allora… aprite bene le orecchie:

      Magic Club da Geckie
      tel. 041403700

      ho anche il numero di cellulare, ma quello ve lo fate dare da lui =)
      buon divertimento figlioli!!!

    27. morgan Says:

      SALVE A TUTTI MI FA PIACE TROVAR UNA PAGINA CHE PARLA DEL NOSTRO LOCALE.. IO SONO IL FIGLIO,E non lavoro in fabrica ma in DISCOTECA 🙂 CMQ BELLA PRESENTAZIONE.. E POTETE CONTATTARMI SU. http://www.myspace.com/mtsuondgroup

    28. ALBE Says:

      già e proprio un bel locale, il posto piu originale e piu strono, e solo quello MAGIC CLUB da GECKIE chioggia( calle ponte caneva 915 ) locale privato solo x amici.. diventa amico!! e entra senza paura..

    29. morgan Says:

      BELLA DESCRIZIONE DEL LOCALE… IO SONO IL FIGLIO E MI TROVATE SU http://WWW.MYSPACE.COM/MTSOUNDGROUP

    30. Alessio Says:

      io abito a Sottomarina, vicino Chioggia e conosco sto JackieTonight.. è vero quello che ha scritto non sono cacchiate

    31. lisa Says:

      Ci sono stata ieri sera, molto caratteristico e particolare.
      l’atmosfera è molto noir con qualche accento direi gotico(i vari santini e madonne nonchè le casse da morto come panche).Il cibo è buono e il padrone di casa accogliente e spiritoso.
      noi eravamo molto contenti, il mio ragazzo adirittura entusiasta. Però ho visto una ragazza di un altro gruppo che non era molto a suo agio. Forse si aspettava un posto più…normale. Quindi jackie è ok ma forse non per tutti.
      io però lo consiglio vivamente.
      WW jackie !!!

    32. Anonymous Says:

      io ci sono stato da jackie tonight e vi garantisco che è propio tutto alla pecos bill.

    33. Mattia Says:

      Io ci sono stato da pochissimo con qualche amico. È stata un’esperienza assurda! Per dirla alla “pecos bill”: è stato un viaggio mistico!
      Jackie è un personaggio assurdo e totalmente fuori dal comune. Se non ci si è stati non si può capire…

    34. Alessio Says:

      Ragazzi, il miglior posto del mondo!!! Ci sono stato ieri con la mia ragazza ed un amico. All’uscita dopo una calorosa stretta di mano di Jackie, sembra di passare da un posto nel quale il tempo s’è fermato tanti anni fa, alla luce del mondo che sembra non essersi accorto della tua mancanza, della tua pemranenza nella dimora di Jackie!!!

      Da provare, lui è spettacolare, mangi quello che ha e sempre buono e fresco!!!

      Ottimo!!! Dopo l’osteria senza oste ed Enos, uno dei posti migliori!!! E tutti in Veneto!!!

      YAHUUUU

    35. Ane Says:

      Anche io sono stata, due volte, una circa 6 anni fa e un’altra ieri sera. Davvero ottimo anche se ieri sera era molto sulle sue, mi ricordo che 6 anni fa era stato molto più chiacchierone e ci aveva regalato addirittura dei coppi disegnati da lui rappresentanti assi delle carte. Consigliatissimo comunque, cibo ottimo, ambiente noir e caratteristico, misto tra sacro e gotico. Ci tornerò di sicuro, se mi vorrà. 🙂
      Una curiosità, voi quanti soldi avete lasciato?
      Ciaooooooooooo

    36. Ane Says:

      … E sicuramente ci tornerò, ribadisco se lui mi vorrà accogliere nella sua casa, quando farà meno caldo e meno afa 😉

    37. Ane Says:

      @Alessio: se mai mi leggerai, dove sono l’Osteria Senza Oste e Enos?
      Grazie!

    38. Francesco Says:

      L’Osteria senza oste dovrebbe essere in quel di Valdobbiadene, Enos invece non l’ho mai sentito..

    39. Francesco Says:

      …cmq…mitico Jackie!! Sono stato ieri sera, eccezionale sia il posto, che il mangiare….da provare assolutamente!!

    40. Vise Says:

      …Mitico Jackie!! Io son stato per la prima volta ieri sera…fantastico, surreale, unico!!

    41. rocker Says:

      è chiaro che alcune persone non capiscano che esiste gente come jakie to night …. nel vostro mondo fate qualcosa solo se ci vedete un guadagno … invece c’è gente , come jakie , e come me che lo fa anche solo per il piacere di vedere la felicità e vivere un momento di allegria …. invece voi milanesi stressati dovete fare fatturato …… “figa”

    42. Ane Says:

      @Francesco: grazie x la location dell’Osteria senza Oste, sn riuscita a trovare info su internet. Invece di Enos zero traccia, è un nome troppo comune.
      Cmq mitico Jackie! Ma nessuno mi dice quanto avete lasciato? E’ una domanda indiscreta la mia? 😐

    43. Stefano Says:

      Ragazzi il mitico gecky è unico al mondo!sono stato la sera di halloween da lui, tutto all’insegna dell’allegria. eh eh tutto alla pecos bill! tanto semo tutti sassinai come dice il buon gecky! mitico!

    44. Ane Says:

      Sono stata ieri sera, mitico, era di buon umore… Sempre un piacere! 🙂

    45. Ane Says:

      Ah anche ieri ce l’aveva con Pecos Bill hihihi 😀

    46. Alessio Says:

      @Ane. Scusami ma ho riaperto questa pagina solo dopo mooooooolto tempo!!! AH AH AH
      L’osteria senza oste è a Valdobbiadene, confermo. Enos è a Povegliano (Enos è il nome del proprietario del locale che si chiama Osteria Biancanil).

      Sono stato a trovare Jackie un paio di settimane fa… Sempre il migliore!!!

    47. Alessio Says:

      PS: nel menù di Enos, la prima pagina recita: “A pressa fa parte dea vita, par a quaità ghe vol el so tempo”.

    48. Ivano Says:

      Come il racconto di cui sopra, io ci sono finito per caso sabato poco prima di pranzo. Non ho mangiato, ho solo bevuto un ombra di vino. che dire….un attimo prima ero nel mondo reale passeggiando per Chioggia, poco dopo mi sembrava di essere come in alice nel mondo delle meraviglie, cio? tutto surreale! Jackie che racconta di tutto ? di pi? strano ci possa essere, di cui non si sa cosa sia vero e cosa no (ma credo la maggior parte sia inventato), la casa piena di cose stranissime che sembra una mezza cripta, io che non mi capacito di dove sono finito. Insomma Jackie ? proprio un personaggio, che offre vino e da mangiare, ma non chiede niente e solo se tu vuoi puoi lasciare qualcosa. Ci ha lasciato anche il biglietto da visita che sembra un santino! Mai visto una roba del genere! Io ci voglio e devo ritornare prima o poi!! Mitico Jackie!

    49. Carlo Says:

      mi è successo oggi, passeggiavo, fotografavo e… mi apre la porta, mi invita e il resto è già tutto scritto nel racconto. Fantastico!

    50. Ane Says:

      @ Alessio: Ho letto solo ora la tua risposta, grazie! Meglio chiamare Al Biancanil per farsi tenere un posticino?!?!? 😉
      Ciriciaooooo!

    51. Gianfranco Pasqualin Says:

      E’ tutto vero, io lo conosco da anni e lo vado a trovare almeno una volta al mese.
      Mi fa piacere aver trovato qui qualcuno che ha raccontato la sua storia, anche se da quelle parti succede spesso.
      Saluti a tutti

    52. DARIO Says:

      ALLA PECOSBILL CIAO JAKY

    53. luca Says:

      Non pensavo esistesse ancora, ci sono stato nel 1987….e ci tornerei

    54. Anonymous Says:

      Confermo ciò che avete raccontato, io ci sono stata 2 sere fa..confermo anche che non è un posto adatto a tutti..sicuramente non bisogna essere troppo impressionabili ma soprattutto non avere “la puzza sotto il naso”, schizzinosi,perché è molto alla buona. Provare per credere.

    Leave a Reply