< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • December 2006
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/12/2006

    E intanto il tempo se ne va

    Filed under: — JE6 @ 09:27

    Fra non molto, le querelle su Cesare Previti assomiglieranno a quelle sulla Resistenza [1] tra Bocca e Pansa, dato che si parla di fatti avvenuti e processi iniziati quando tutti noi eravamo giovani, belli e boccoluti. Suoneranno fuori dal tempo e ridicole, come – peraltro – suona ridicolo [2] che si arrivi a dire che un processo andava celebrato in una città piuttosto che in un’altra a dieci anni di distanza dal momento in cui la decisione andava effettivamente presa, e che tutto ciò che è avvenuto in questi dieci anni rimarrà solo nella memoria ma non sulla carta e negli atti. E’ fantastico.
    Corriere.it

    [1] La maiuscola è un riflesso pavloviano, suppongo.
    [2] Ridicolo. E offensivo. E frustrante. E (aggiungete voi, a piacere).