< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • December 2006
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/12/2006

    Good ol’ times

    Filed under: — JE6 @ 14:59

    Era un po’ che non passavo dalle parti di una blogrissa, ed è come andare ad una reunion dei compagni di liceo [1]: qualcuno, nel bene o nel male, è rimasto quello che era; tutti gli altri hanno perso i capelli, hanno messo su una quindicina di chili, sono diventati miopi, e non ridono più alle stesse battute di una volta. [2], [3]
    Zoro, Qix.it

    [1] Tocca usare questa vecchia immagine, perchè pare che non stia bene sostituire “istituto tecnico commerciale” a “liceo”.
    [2] Ad essere onesti: miope lo ero già, i capelli non li ho persi ma i quindici chili li ho guadagnati. Anche da giovane non ero questo granchè, in effetti.
    [3] Comunque: con qualche piccolo distinguo, sottoscrivo gran parte del post di Zoro, perchè non ci leggo quello sbeffeggiamento che altri vi hanno trovato.

    Quanto costa un fazzoletto

    Filed under: — JE6 @ 11:33

    Ottomila euro per bloccare una fotografia che ritrae il soggetto con le dita nel naso. Tu pensa la ricchezza che sta in coda ai semafori.
    Corriere.it