< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • December 2006
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/12/2006

    You

    Filed under: — JE6 @ 08:42

    Me, I’m just a lawnmower, you can tell me by the way I walk

    Facciamo finta per un momento che esiste una edizione italiana di Time. Facciamo finta per un altro momento che di quella edizione italiana siete il direttore responsabile, e dovete decidere il titolo di copertina – sì, quella copertina, esatto. Cosa fate, scrivete “Tu” oppure “Voi“?
    Se avete voglia di rispondere, i commenti sono a un click di distanza, come sapete. Per quanto mi riguarda, io titolerei “Tu“, conservando quella buona dose di ambiguità che permette di salvare capra e cavoli che non fa mai male. Perchè, alla fine, questa mi pare la realtà: tutti insieme, noi cosiddetti produttori di contenuti, creiamo una enorme Conversazione (con il relativo rumore di fondo – e chi si occupa di pubblicità sa di cosa parlo) fatta a sua volta da un altrettanto enorme numero di conversazioni, il cui valore è dato non dal semplice fatto di esistere, ma dalla rilevanza dei singoli contributi. Che senso ha affermare “siamo sostanzialmente irrilevanti” come fa Gaspar, o arrovellarsi sul quesito “Quanto incide concretamente la blogosfera italiana nel contesto generale della comunicazione in questo paese” come fa Massimo?
    Siamo? Noi? Noi blogosfera? Ma no, percaritadiddio. Io sono irrilevante, i miei contenuti sono irrilevanti. Io non incido nel contesto della comunicazione italiana. Io.
    Time, Gaspar Torriero, Mantellini