< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/01/2007

    Comfortably numb

    Filed under: — JE6 @ 16:00

    Il grande pregio degli storici è quello, in fondo, di presentarti in tavola la pappa pronta. Hanno studiato, hanno scavato, hanno letto e confrontato, e il risultato dei loro sforzi sta lì: trecento anni in trecento pagine. Con un inizio e una fine, e una logica che lega gli eventi; azione, reazione, causa, effetto. E’ rassicurante, a ben vedere, come un film con John Wayne: capisci che cosa succede, così ti puoi permettere di schierarti, non importa se con gli indiani o con le giubbe blu.
    Invece, il quotidiano, l’hic et nunc è una specie di continua proiezione dei Soliti Sospetti, la pura rappresentazione della teoria del caos, di fronte alla quale lo spettatore (che, peraltro, del caos medesimo è anche protagonista) ha due possibilità: prendere fortemente posizione, sapendo di sbagliare perchè il-mondo-non-è-in-bianco-e-nero, oppure sforzarsi un po’ e poi alzare le mani ammettendo onestamente: ragazzi, non ci capisco un cazzo.
    Prendi le storie e i punti di vista raccontati in questo post di Petunias’: la descrizione dell’Attila della cultura italiana – quello che ha ucciso Eduardo de Filippo schiacciandogli la testa fra le tette di Tinì Cansino – che però è anche l’unico che paga gli stipendi e, udite udite, i contributi previdenziali. E la descrizione di coloro che la cultura la creano e la divulgano davvero ma ti affamano come neanche la Thatcher con i minatori. Insomma, come ne vieni fuori, se non tirandotene fuori? C’è un’altra soluzione?
    ThePetunias’

    One Response to “Comfortably numb”

    1. b.georg Says:

      nessuno è (totalmente) imperfetto

    Leave a Reply