< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/01/2007

    Flags of our… who?

    Filed under: — JE6 @ 12:02

    Ieri pomeriggio, nel parcheggio di un grande gruppo grafico della provincia reggiana, guardavo il grande cancello dal quale passano ogni giorno decine di tir e centinaia di automobili, tutti accolti da due pennoni sui quali sventolano la bandiera italiana e quella europea – e provavo a darmi ragione del mio stupore nel veder sventolare quei pezzi di stoffa, spettacolo comune nel più piccolo drugstore del più sperduto paesino dell’Iowa ma talmente raro da queste parti da essere appunto notato e citato come tale. Poi, siccome faceva freddo e tirava vento, ho lasciato le bandiere al loro destino (migliore del mio, credo, ma meno felice di quello della bandiera croata che ho trovato nella sala riunioni).

    One Response to “Flags of our… who?”

    1. camu Says:

      Sono pienamente d’accordo con la tua visione delle cose… a prescindere da quello che vogliono imporci i politici italiani ed europei, sia di destra che di sinistra, noi non sentiremo mai uno spirito di appartenenza europeo come ce l’hanno dall’altra parte dell’oceano. Sarebbe bello vedere la bandiera Italiana non solo durante i mondiali, ma appesa dappertutto e rispettata. Assieme a quella europea. Ma non è così e non lo sarà mai: gli italiani parlano italiano, i tedeschi parlano tedesco, i francesi parlano francese, ed ognuno è ben legato alla propria Nazione, già questo basta per comprovare la mia tesi 🙂

    Leave a Reply