< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • March 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/03/2007

    Capire tutto

    Filed under: — JE6 @ 16:48

    Credo di averlo già scritto un paio di volte, nell’ultimo anno: mi rendo conto che non sono più capace di stare davanti ad uno schermo a guardare immagini “dolorose”. Non sono in grado di (ri)vedere film come Schindler’s List o La vita è bella, non me la sento di affrontare racconti di dolore, malattia, sopruso – e non c’è differenza tra fiction e documentario. Ho tre libri che ciclicamente rileggo: Cent’anni di solitudine, Tre uomini in barca e Se questo è un uomo. Oggi Levi occhieggia dalla libreria, ma io non riesco ad allungare la mano. E’ come una specie di insensata paura, di ansia, di struzzesca necessità di nascondere la testa sotto la sabbia.
    Eppure Dachau me lo sono andato a cercare. Ho voluto andarci. Di più: l’ho sentito, sapendo di essere in zona, come una specie di obbligo. Così come a Budapest ho voluto andare al museo dell’Olocausto e vedere gli oltre centomila nomi di vittime della più violenta e rapida deportazione che i nazisti abbiano messo in atto durante la guerra, e a Varsavia mi sono fatto portare all’unica sinagoga scampata alla devastazione della città. C’è qualcosa che non capisco, di me stesso: ma forse non si deve cercare di capire tutto.

    Dai campetti

    Filed under: — JE6 @ 11:25

    Non sono ancora arrivato a scrivere per la versione cartacea, e dubito che riuscirò mai a farlo. Intanto, siccome è un amico, Carlo Annese ha ospitato un altro pezzullo del titolare qui sul blog-della-rosea.
    Wittgenstein, Quasirete