< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • March 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/03/2007

    Cospargersi d’olio prima dell’uso

    Filed under: — JE6 @ 09:18

    Non avete anche voi l’impressione che la famosa Diplomazia Internazionale sia, spesso, solo e semplicemente una sequela di “non so, non ho visto, non c’ero – e se c’ero dormivo e avevo pure i tappi nelle orecchie“?

    Idee per il fine settimana

    Filed under: — JE6 @ 08:42

    Non so voi, ma io sono un fan del virgolettato carcerario. Parlo dei resoconti delle visite che parlamentari e consiglieri regionali e soggetti istituzionali di vario genere fanno a questo o quel detenuto: un genere che è surrealtà allo stato puro. In primo luogo perchè, a quanto mi risulta, a queste visite non è ammessa la partecipazione dei giornalisti – e quindi non si capisce a che titolo vengono usate le virgolette. Ma non è tutto, anzi. Io sono seriamente convinto che i quotidiani paghino degli sceneggiatori per scrivere i dialoghi, che sono un concentrato di congiuntivi corretti, congiunzioni appropriate, incisi efficaci e concetti nobili – insomma, il massimo dell’implausibilità: se vi è capitato di assistere all’intervista che quelli delle Iene hanno fatto a Fabrizio Corona, non potete credere che frasi come “lo champagne non mi manca per niente. Anzi so che quest’esperienza, seppure dolorosa, alla fine mi farà bene. Il carcere in qualche modo t’insegna a vivere. E’ un bagno d’umiltà. Una prova che quasi quasi dovrebbero fare tutti” siano uscite dalla stessa bocca. A meno che non sia proprio vero che il carcere rieduca, e allora magari ha proprio ragione Corona, e dovremmo pensare tutti a un week-end a San Vittore.