< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • April 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/04/2007

    Greetings from Paris ‘07 (2) – 6. Help!

    Filed under: — JE6 @ 14:55

    Non amo i party, soprattutto quelli aziendali (con pochissime eccezioni: anni fa mi invitarono alla festa del list manager di Victoria’s Secrets e il panorama era piacevole, diciamo), ma per lavoro tocca pure andarci, invece che sfinirsi in qualche brasserie. Il campionario umano è, al solito, notevole: un livornese scosso, un londinese in stato di stress perchè non puo’ guardare la partita del Chelsea, un madrileno che ha vissuto per un anno in Belgio in compagnia di due napoletani e conosce qualunque insulto in italiano, belgi con la faccia da belgi (se vi state chiedendo che faccia hanno i belgi, ecco, vi siete già dati la risposta), francesi di ogni ordine e grado. La CEO dell’azienda ospite interrompe la serata con uno sproloquio di ringraziamento a tutti i clienti, e introduce un tizio di Unicef che getta la sala nello sconforto e nella malinconia. Riprendiamo a bere, chè non sta bene girare con le mani vuote, ma d’improvviso sale sul palco il più strabiliante e osceno quartetto di imitatori dei Beatles che chiunque tra noi abbia potuto vedere in vita sua, vestiti con l’uniforme che dovrebbe fare tanto John-Paul-George-Ringo e che invece li fa sembrare dei barbieri in pensione – e non parliamo delle parrucche che hanno in testa. Il livornese mi guarda e fa “Cristo, sono più vecchi degli originali”, e ha ragione. Il batterista è persino più scarso di Ringo Starr e credetemi, non pensavo che fosse possibile. Io i Beatles non li sopporto, figurarsi i loro cloni francesi di serie D: al terzo falsetto stonato alzo bandiera bianca, saluto Javi e Marta che vedrò fra qualche settimana a Madrid e fuggo. Sotto l’Arc de Triomphe tira vento, ma preferisco rischiare la vita nell’attraversamento di Place Charles de Gaulle piuttosto che l’udito e la dignità nella penombra del Duplex. Credo che chiederò un’indennità speciale per queste serate.

    Greetings from Paris ‘07 (2) – 5. Passeggiate

    Filed under: — JE6 @ 08:12

    Diciamo che ci sono cose peggiori che andare a prendere la metropolitana attraversando il Jardin des Tuileries.