< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • April 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/04/2007

    La prevalenza del cretino

    Filed under: — JE6 @ 12:45

    Dunque: su un treno Napoli-Torino ci sono oltre un centinaio di passeggeri abusivi. Siccome sono tifosi al seguito di una squadra di calcio, sono sicuri di non essere tenuti al pagamento del biglietto – e immagino che non si diano cura di mimetizzarsi lungo il convoglio: tutti in massa, come in curva, e a chi viene a romperci i coglioni gli spacchiamo il culo.
    Poi succede che – udite! udite! – in quel di Genova qualcuno che ne ha l’autorità decide di fare una cosa molto semplice: individuare gli abusivi, farli scendere dal treno, fargli pagare cash il biglietto inclusivo di multa e farli poi risalire sui vagoni. Questa semplice azione, che dovrebbe risultare di una normalità disarmante, viene definita dai giornali come la prima applicazione di un giro di vite nei confronti dei tifosi, deciso a seguito dell’uccisione di un poliziotto all’esterno dello stadio di Catania.
    Qui e qui ci si è stupiti del fatto che la semplice esecuzione di una norma di base possa essere definita “giro di vite” – in realtà, non ci si è stupiti: i due titolari sanno benissimo che quella norma è rispettata poco e randomicamente al punto da essere eccezione e non regola, e che “giro di vite” è quindi, purtroppo, un’espressione che finisce per essere corretta e sensata. E infatti, tac!: puntuale come la morte, ecco quello che tira fuori lo stato-di-polizia e i manganelli e le torture perpetrate nel 1982 dalla PolFer di Genova. Io mi arrendo: ma non alla polizia, ci siamo capiti.
    Sasaki Fujika, Squonk

    La terra del Gattopardo

    Filed under: — JE6 @ 07:18

    Alla fine, faranno il Partito Democratico. E dall’altra parte faranno il Partito delle Libertà o come diavolo lo chiameranno. Scorporeranno i riottosi per averci a che fare non come minoranze interne ma come partner di coalizione. Il testimone passerà da Romano Prodi a Walter “Roxanne” Veltroni e da Silvio Berlusconi a Letizia “Messimpiega” Moratti. Gli elettori andranno a votare con lo stesso entusiasmo con cui si sarebbero approssimati ad un concessionario per vedere il restyling di un’utilitaria uscita quindici anni prima. La Juventus vincerà lo scudetto. Alessia Marcuzzi continuerà a soffrire di stitichezza. Tutti moriremo a stento.