< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2007
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/05/2007

    Shakespeare, Garcia Marquez, Billboard

    Filed under: — JE6 @ 12:08

    Sarà la politica spettacolo, non so. Ma sono affascinato da questa uscita di scena di Tony Blair. Di solito i politici lasciano il posto perchè hanno perso rovinosamente le elezioni, oppure perchè una qualche legge impedisce loro di restare in carica oltre un certo numero di mandati, come capita ai presidenti americani [1]. Blair, invece, se ne va scegliendo di farlo – o quantomeno provando a far credere di essere lui quello che decide. Lascia, se non da vincente, almeno da non perdente. Con l’aureola offuscata ma non ancora buttata nel cestino: come un Lance Armstrong, che si ritira dopo aver vinto l’ennesimo Tour de France in mezzo ai sospetti di doping. E’ un’uscita non da politico, ma da personaggio dello star system, da rocker, da attore, da sportivo di alto bordo. Ma non è tutto, perchè c’è questo tocco medievale dell’investitura del delfino [2]: una cosa che solo il Re può fare, un altro modo per far capire chi è l’uomo forte. Non c’entra niente la politica, in tutto questo: è Shakespeare, è Garcia Marquez, è Billboard. Sono affascinato, l’ho già scritto, vero?

    [1] Cosa che non permette a Bill Clinton di restare in sella, Lewinski o non Lewinski. Ma che fa sì che George Bush il Giovane possa presto dedicarsi ad una splendida carriera di ben retribuito gaffeur. Un onorevole pareggio, direi.
    [2] Per la cronaca, James Gordon Brown ha 56 anni. Il che dimostra, io credo, che chi ha un minimo di sale in zucca non sta a perdere tempo con i pattigenerazionali: semplicemente, sceglie il meglio che ha in casa. Nel caso specifico, quel “meglio” non sarà probabilmente sufficiente a battere il veramente-giovane David Cameron, ma è pur sempre il meglio che passa il convento.

    Io la mattina mi sveglio e il primo pensiero è: “Amo la Roma”

    Filed under: — JE6 @ 09:11

    E, per carità di patria, non andiamo oltre – chè altrimenti ci sarebbe da chiedersi se il sottosegretario Cento accompagna ai pensieri anche qualche erezione mattutina.
    Corriere.it

    Nuove mode

    Filed under: — JE6 @ 06:23

    Siccome i blogger milanesi si peritano di essere dei trendsetter, ieri hanno deciso di lanciare la nuova moda del 2007, variazione su un tema assai caro ai concittadini della Madonnina: l’happy hour con neonati al seguito. Vivo sconcerto e grande successo.