< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2007
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/05/2007

    Entrare in una storia

    Filed under: — JE6 @ 13:18

    Condivido con Massimo la considerazione che segue la lettura delle classifiche degli Z-blog Award: c’é tutto un mondo intorno che non ho modo di conoscere perchè é troppo ampio. Ma non è tutto qui. Seguire un blog è come seguire una serie tv: se non lo fai dalla prima, o dalla seconda puntata, diventa difficile capire quella in corso – non si conoscono i caratteri dei personaggi, non si sa se questi hanno dei legami tra loro, chi ha avuto traumi infantili e chi è il buon padre di famiglia. Non è impossibile ricostruire la vicenda, naturalmente: ci si attacca ai p2p, si passa un po’ di tempo a leggere gli archivi. Ma, ripeto: almeno per me, non è facile, perchè provo la sensazione di essere fuori sincrono. E poi, forse, ciò che conosco mi è spesso sufficiente: ma questo è un altro discorso, che ha a che fare con i miei bisogni, le mie aspettative, il mio tempo – nessun dialogo sopra i massimi sistemi, state tranquilli.
    Mantellini, Sw4n