< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • May 2007
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/05/2007

    Attenzione costante

    Filed under: — JE6 @ 09:10

    Durante la telecronaca della tappa che portava i pedalatori rosei verso l’amena località balneare che ho frequentato per tutta l’infanzia e parte dell’adolescenza, l’ineffabile Auro Bulbarelli ha detto che, tenendo conto del fatto che il Giro d’Italia deve toccare un po’ tutte le zone dello Stivale e che trasferire tutta la baracca (burattini inclusi) su un’isola è complicato e costoso, “i sardi non possono pretendere un’attenzione costante”. Pochi nanosecondi prima, l’I.B. aveva ricordato che quella di quest’anno è la terza visita del Giro in terra nuragica – su novanta edizioni.

    One Response to “Attenzione costante”

    1. domenico Says:

      certo certo, come no!
      Invece per fare delle tappe (del Giro d’_Italia_!!) in Grecia o in Belgio è tutto molto più semplice, trasferimenti di baracche compresi

    Leave a Reply