< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2007
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/05/2007

    Mille e una

    Filed under: — JE6 @ 10:22

    Sarà pure uomo dalle mille risorse, ma Umberto Veronesi cosa ne sa di strumenti e tecniche di produzione di energia?
    Repubblica.it

    3 Responses to “Mille e una”

    1. farfintadiesseresani Says:

      Più o meno quelle due o tre cose di buonsenso che dovremmo sapere tutti, direi (io che do ragione a Veronesi, ma pensa un po’).

    2. Massimo Moruzzi Says:

      ma le centrali le facciamo in Campania, e l’uranio lo smaltiamo come la spazzatura, bruciandolo per strada?

    3. marco Says:

      Ho provato a dire la stessa cosa sul mio weblog e sono stato abbastanza massacrato.
      Tra l’altro, il prof. mica dice ‘Forse dovremmo ripensare al nucleare’, bensì che l’Italia deve fare 10 centrali in 10 anni. Non una di più, non una di meno. Che poi, a parte considerazioni di altro tipo, basta la V elementare per capire che 10 centrali nucleari in 10 anni manco il Giappone riesce a farle, figurarsi noi.
      Per giunta, al momento mi pare che *nessun* paese stia seriamente progettando di aumentare la percentuale di nucleare.
      Ragion per cui a mio avviso Veronesi ha sbagliato tanto nel merito quanto nel metodo.

    Leave a Reply