< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • June 2007
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/06/2007

    Cambio

    Filed under: — JE6 @ 11:55

    Fareed Zakaria, sul mondo dopo Bush:
    True, the United States faces a complicated and dangerous geopolitical environment. But it is not nearly as dangerous as when the Soviet Union had thousands of missiles aimed at American, European and Asian cities and the world lived with the prospect of nuclear war. It is not nearly as dangerous as the first half of the 20th century, when Germany plunged the globe into two great wars.
    (…)
    The strategy we have adopted against so many troublesome countries over the last few decades—sanction, isolate, ignore, chastise—has simply not worked. Cuba is perhaps the best example of this paradox. Having put in place a policy to force regime change in that country, we confront the reality that Fidel Castro will die in office the longest-serving head of government in the world. On the other hand, countries where we have had the confidence to engage—from China to Vietnam to Libya—have shifted course substantially over time. Capitalism and commerce and contact have proved far more reliable agents of change than lectures about evil. The next president should have the courage to start talking to rogue regimes, not as a sign of approval but as a way of influencing them and shaping their environment.

    Newsweek

    Consigli per l’acquisto

    Filed under: — JE6 @ 11:33

    Là fuori, qualcuno mi sa dire come funziona l’ADSL di Tele2 in quel di Milano?

    C’è qualcosa che mi sfugge

    Filed under: — JE6 @ 09:07

    Ma la famosa rimozione del comandante della Guardia di Finanza è stata una misura contro la persona, o contro l’organizzazione? Se la risposta è “contro la persona”, allora non si vede il motivo per cui si debba votare un documento che dice quanto l’organizzazione è brava, bella, buona, efficiente e preziosa, essendo questi elementi scontati. Se la risposta è “contro l’organizzazione”, allora non si vede il motivo per cui si debba votare un documento che dice quanto l’organizzazione è brava, bella, buona, efficiente e preziosa, essendo questi elementi falsi.