< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • June 2007
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/06/2007

    You can call me snob

    Filed under: — JE6 @ 10:25

    Io non credo che tutti possano fare tutto; e anche se questo fosse possibile, non credo che tutti possano fare tutto bene. Al mondo ci sono sicuramente più persone di quante non crediamo che fanno altri mestieri e che potrebbero assai dignitosamente piazzarsi davanti a una telecamera o ad un microfono, e mostrare preparazione, scioltezza, proprietà di linguaggio, simpatia. Ma è un “molte” relativo, con ogni evidenza. Invece siamo perseguitati da farfugliamenti, banalità, frasi sconnesse, ammannitici in nome del “questo è il mondo”: ma noi sappiamo com’è il mondo, perchè ci viviamo dentro, e non abbiamo bisogno di accendere la televisione per sapere come si discute davanti al bancone del bar. Diciamo la verità: peggio dei programmi fondati sugli interventi della gente ci sono solo i programmi condotti da Serena Garitta, che però – almeno – ha le tette grosse. Giorgio Medail non ha le tette grosse.
    Serena Garitta, TGCom

    E’ che alla fine ogni cosa ti stanca, tutto qui

    Filed under: — JE6 @ 09:47

    Perchè poi capita che uno inizia a provare una certa nausea per i continui distinguo, e alla bocca iniziano inarrestabili ad affiorargli frasi come “piove, governo ladro”, “si stava meglio quando si stava peggio”, “sono tutti uguali”, “è tutto un magna magna”; in quel momento, si ferma davanti allo specchio e si vede trasformato in Beppe Grillo.