< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • June 2007
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/06/2007

    Gruesse aus Nuernberg ´07 – 3. La fiera degli orrori

    Filed under: — JE6 @ 21:05

    Un giorno poi mi dovrò decidere a scrivere uno spin-off dei Greetings, dedicato alle fiere, alla varia umanità che le popola e alla spaventosa oggettistica che ne crea l’ambientazione. Per oggi, basterà citare gli sgabelli che al posto delle normali gambe di legno hanno la riproduzione di due cosce di birraio bavarese, con tanto di pantaloncini di cuoio, e lo stand di Wurstbrief, che per uno che odia gli emoticons è una cosa da rimanere secco nel corridoio (ottimo motivo per farsi rianimare da una qualsiasi delle popputissime hostess che rallegrano la vita agli sciagurati visitatori).

    Leave a Reply