< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • June 2007
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/06/2007

    Ritenta, sarai più fortunato

    Filed under: — JE6 @ 10:28

    Devo rifare il passaporto. Mi presento all’ufficio del commissariato di zona, munito di marca da bollo, versamento sul conto corrente postale, fotografie, vecchio passaporto e modulo di richiesta debitamente compilato.
    Il poliziotto prende il plico, e mi chiede se ho figli minori. Gli rispondo che sì, ne ho una, e gli porgo anche il foglio sul quale mia moglie ha vergato il suo consenso all’inserimento del nome della persona corta sul mio passaporto. Dopo una breve scorsa al manoscritto, il mio interlocutore dichiara che quel foglio non va bene, perchè mia moglie acconsente a che il nome di sua figlia venga aggiunto sul passaporto del marito, ma non dichiara esplicitamente che non ha nulla in contrario a che lo Stato italiano mi conceda il passaporto. Ha la lucidità sufficiente per dirmi che sì, probabilmente la cosa si potrebbe dare come implicita, ma insomma le regole sono quelle. Io mi sento sempre più come Michael Douglas – senza peraltro avere nessuna Sharon Stone che mi perturbi le coronarie – e non so se mi viene più da ridere o da piangere.

    Leave a Reply