< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • June 2007
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/06/2007

    Giocare d’anticipo

    Filed under: — JE6 @ 12:31

    Una volta, il culto della personalità si stabiliva dopo che l’oggetto del culto aveva conquistato il potere. Con San Uolter pare che si sia deciso di anticipare un po’ i tempi.
    Repubblica.it

    Potenza dell’arte

    Filed under: — JE6 @ 12:09

    Andy Warhol è stato uno straordinario artista, nel senso pascoliano del termine: colui che riesce a esprimere ciò che tutti [1] hanno sulla punta della lingua ma nessuno riesce a dire [2]. Purtroppo è morto troppo presto, e questo gli ha impedito di sdoganare Mao in Perù, creando non pochi problemi a Cameron Diaz: il passo successivo, chissà, sarebbe forse stato quello di omologare a Marilyn Monroe quel piccoletto con i baffetti che arringava i tedeschi e gasava gli ebrei – e sono sicuro che gli sarebbe riuscito.
    Deluxe.hu, Repubblica.it

    [1] O, almeno, molti.
    [2] Il che significa, a ben vedere, che si può essere straordinari artisti dicendo o facendo un discreto numero di deplorevoli fesserie.

    Non gioco più, me ne vado

    Filed under: — JE6 @ 10:54

    Lo so che il paragone è abusato, ma questo governo (e quello prima, e quello prima ancora, e così a ritroso fino alla notte dei tempi; e con essi i sindacati, la Confindustria, la Chiesa Cattolica, e andate avanti voi che a me vien da piangere) sembra preso di peso dal più classico dei campetti di periferia: venti bambini vocianti, ciascuno pronto a prendere in mano il pallone e uscire dal campo perchè gli amichetti non gli fanno fare gol.
    Corriere.it