< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • June 2007
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/06/2007

    Non gioco più, me ne vado

    Filed under: — JE6 @ 10:54

    Lo so che il paragone è abusato, ma questo governo (e quello prima, e quello prima ancora, e così a ritroso fino alla notte dei tempi; e con essi i sindacati, la Confindustria, la Chiesa Cattolica, e andate avanti voi che a me vien da piangere) sembra preso di peso dal più classico dei campetti di periferia: venti bambini vocianti, ciascuno pronto a prendere in mano il pallone e uscire dal campo perchè gli amichetti non gli fanno fare gol.
    Corriere.it

    4 Responses to “Non gioco più, me ne vado”

    1. stark Says:

      Cioè, ma tu, ecco, insomma, non per dire, ma stai parlando di Mastella. Mastella è l’amico scarso che ti riduci a chiamare quando ti viene a mancare, all’ultimo istante, il decimo per il calcetto. Lui di giocare ne avrebbe una gran voglia, ma è consapevole che hai bisogno di lui, e allora prima di accettare detta condizioni. “Devo pagare il campo?” “Posso fare io le squadre?” “Però il giro a stare in porta non lo faccio” ecc. ecc.

    2. Squonk Says:

      Ma no. Ferrero, Mussi, Pecoraro Scanio – any difference?

    3. sphera Says:

      Al campetto, perlomeno, chi faceva il difficile era quello che aveva portato il pallone.

    4. stark Says:

      Non ho mica detto che non ce ne siano altri, di questa gente (ma Mastella, rispetto agli altri equilibristi, ha un’arma in più: può dire Non fatemi incazzare, eh, che passo dall’altra parte! Sistema che, tra l’altro, raddoppia il peso dei voti che porta in dote: se ha il tre per cento e cambia bandiera, l’oscillazione totale è del 6%! Mica poco)

    Leave a Reply