< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • June 2007
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/06/2007

    Taleggio

    Filed under: — JE6 @ 14:06

    Il titolare qui, oggi, zeligheggia in casa altrui.
    Eiochemipensavo

    Abbiamo visto la stessa partita?

    Filed under: — JE6 @ 10:32

    Ieri ho ascoltato tutto il discorso di Veltroni, con un buco di cinque minuti verso la metà. L’ho fatto sforzandomi di eliminare ogni pregiudizio, positivo o negativo che fosse. Questa mattina, ascoltando una rassegna stampa, mi chiedevo se le parole che io avevo sentito erano le stesse ascoltate dagli insigni commentatori: un po’ come quando uno guarda una partita di calcio e poi confronta la propria personale pagella con quella pubblicata sulla Gazzetta o su Repubblica e finisce per grattarsi la testa dicendo “mi sa che non abbiamo visto la stessa partita”.
    Nel caso specifico, però, non credo che vi sia colpa o dolo, nè da parte mia, nè da parte degli insigni commentatori, nè da parte di Veltroni. Penso invece che in tanti abbiamo sentito ciò che volevamo sentire, il che è l’ennesima prova della strabiliante abilità comunicativa del nostro uomo, e temo anche della scorata e fideistica stanchezza con la quale attendiamo di entusiasmarci per uno che, semplicemente, sia capace di dire quello che fa e di fare quello che dice.

    Che poi alla fine il senso è tutto qua

    Filed under: — JE6 @ 01:16

    Il web 2.0, i social network, i customer generated content – tutto bello, ma alla fine mi sa che tengo un blog per passare una serata con un architetto nato a Cuneo, cresciuto nel vicentino, diventato adolescente nel bergamasco, che ha lavorato in Sudafrica e si è portato ai piedi dei Buddha afghani in Land Rover, a parlare di politica e bellezza, dello skyline di Chicago e dei muri a secco della Sardegna, bevendo Lagavullin Special Reserve (57,8 gradi, cristosanto) e mangiando un ottimo risotto giallo con salsiccia, e per tornare a casa guardando la luna quasi piena, cantando da ubriaco e pensando a due persone speciali.