< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • L’Italia fuori dalla mischia
  • Oval Office
  • Tennis, tv, trigonometria, scissione
  • Vincere le battaglie e perdere le guerre
  • Il potere di una virgola
  • Partiti
  • Che libri legge Donald Trump?
  • Come diventare buoni
  • Primo quadrimestre
  • Ufficio reclami
  • October 2007
    M T W T F S S
    « Sep   Nov »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/10/2007

    Wagon Ranch

    Filed under: — JE6 @ 17:52

    Vicino alla fermata di Parco Leonardo, verso Fiumicino, il treno rallenta; così si vedono due grandi condomini, un cavalcavia, la rete di recinzione di una invisibile area militare. E due vagoni ferroviari, nel bel mezzo di un campo, incongrui come i cavoli a merenda o come Ferrero e Padoa Schioppa. Sembra il Cadillac Ranch, però meno colorato e un po’ più triste – ma magari è solo una giornata uggiosa.

    Non ci si può più fidare di nessuno

    Filed under: — JE6 @ 17:24

    La linea A della metropolitana di Roma ha i vagoni nuovi, belli, larghi, puliti e con gli avvisi acustici per fermata e lato di discesa (solo in italiano, però).
    Ieri e oggi ha piovuto, eppure non ho trovato traffico.
    Insomma, dove sta il trucco? E’ merito del PD che distoglie Veltroni dai suoi doveri di sindaco?

    Un sobrio invito

    Filed under: — JE6 @ 10:01

    Pur sforzandomi, non credo di conoscere uomini accoppiati a donne che siano in grado di entrare in un mobilificio, guardarsi intorno e dire “Va bene, prendo quel salotto e quella cucina” senza il consenso della donna medesima. Così ieri mi chiedevo a chi si rivolge la pubblicità della Euroarredamenti di Pomezia (una bella ragazzona discinta e il claim “Entra… e fattela”) – senza, ovviamente, riuscire a darmi una risposta.

    30/10/2007

    Brummelismi

    Filed under: — JE6 @ 18:18

    Sono ragionevolmente convinto che l’ultimo avvistamento di un umano in giacca e cravatta in quel della stazione di Santa Palomba risalga al 1952, anno più anno meno. Dubito che mostrerò l’ultimo numero dell’Economist.

    Fuori tempo massimo

    Filed under: — JE6 @ 09:34

    Fatte le debite proporzioni, a me la Juliette Binoche che definisce la sua scelta di spogliarsi per Playboy “un gesto militante e coraggioso” suona un po’ come una Nadia Desdemona Lioce.
    Corriere.it, Wikipedia

    29/10/2007

    Si sta male quando si sta male

    Filed under: — JE6 @ 12:07

    Mi interessa poco stabilire se si stava meglio quando si stava peggio o se si stava peggio quando si stava peggio, perchè mi sono sempre poco appassionato ai dibattiti sull’uovo e la gallina. I situazioni e persino i personaggi si possono riproporre a distanza di anni, in contesti a volte apparentemente e a volte davvero simili, ma mettersi a disquisire se dobbiamo avere nostalgia di De Mita o se possiamo essere soddisfatti di Parisi mi pare davvero ozioso. La pura realtà è che si sta male quando si sta male, e – non so come la vedete voi – a me pare che oggi non stiamo tanto bene.
    Farfintadiesseresanti, Wittgenstein

    Ansie

    Filed under: — JE6 @ 11:26

    Io, di solito, mi fido degli psicoterapeuti come mi fido di avvocati e notai, e non parliamo poi delle parole degli psicoterapeuti riportate da giornalisti che – comprensibilmente – di psicoterapia ne sanno come io so di fisica nucleare. Ma poniamo che per una volta si possa dar credito a questa accoppiata letale: c’è qualcuno che riesce a spiegarmi come, di fronte all’Isola dei famosi et similia, si può provare la sensazione di ansia? Dico, potrei capire fastidio per il numero di decibel superiore a quello di una pista di decollo di Heathrow, potrei capire imbarazzo per le invereconde fesserie dette-fatte-pensate-scritte da protagonisti e autori. Ma: ansia? Per cosa, santodio, per il televoto? Se è davvero così, allora l’Armageddon non è incipiente, è proprio già arrivato.

    27/10/2007

    Enlarge my penis

    Filed under: — JE6 @ 15:04

    Ho controllato le cravatte acquistate negli ultimi dieci anni. Tutte di larghezza compresa tra 9 e 9,5 centimetri. Secondo Paolo Crepet, l’ho fatto perchè madre natura è stata tirchia, nei miei confronti.
    Corriere.it

    Chi si accontenta gode

    Filed under: — JE6 @ 12:12

    Sarà l’età, ma arrivano momenti nei quali il sentirsi dire, dopo le consuete presentazioni a base di nick e mioddio-ma-sei-tu, “ti facevo molto più grosso e grasso” diventa una non piccola soddisfazione.

    26/10/2007

    Non ho capito

    Filed under: — JE6 @ 14:25

    Ieri, nel delirio sinusoidale dei limiti di velocità tra Basilea e Chiasso, mi è parso di capire che la Radio e Televisiun Rumantscha sta per lanciare un nuovo palinsesto basato sull’uso del Rumantsch Grischun, che però non piace ai romanci veri-duri-e-puri perchè è una specie di esperanto ancor più incomprensibile dei cinque originali di cui dovrebbe essere una specie di media aritmetica (diciamo la verità: gli svizzeri, se non ci fossero bisognerebbe inventarli).