< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/10/2007

    Top priority

    Filed under: — JE6 @ 13:32

    Anche se la teoria del “nell’amministrazione di una città non c’è nessuna priorità, perchè tutto ha priorità” mi lascia un po’ perplesso, preferisco di gran lunga il Sergio Cofferati visto ieri sera da Fazio a quello che scendeva in piazza contro l’articolo 18 – ma magari quello era il gemello, chi lo sa.

    Bell’esempio

    Filed under: — JE6 @ 08:51

    Conosco Herr Effe da qualche anno – un tempo che, nella relatività tutta particolare della cosiddetta blogosfera, assomiglia a un’era geologica. Conosco pochissime persone, e il superlativo non è usato a caso, tanto profondamente convinte della specificità e della forza delle parole scritte in rete; e conosco pochissime persone tanto capaci di andare a trovare, nei millemila meandri della rete stessa, parole “diverse” – a partire dalla lingua nella quale sono scritte – e interessanti e particolari e forti.
    Oggi esce il terzo numero di Buràn, e cos’è Buran – se già non lo sapete – lo scoprirete facilmente da voi. Ve ne parlo non tanto per ciò che vi troverete dentro (non lo so nemmeno io, nel momento in cui scrivo), ma perchè mi piace segnalare un esempio (piccolo? Mah) di gratuità e di passione, rispetto al quale i sospetti, le illazioni, le malignità, i secondi e terzi pensieri che allignano in tanta parte di questo microcosmo si rivelano per quello che sono davvero – e che sono davvero coloro che li nutrono.
    Herzog, Buràn