< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/10/2007

    Greetings from Chicago – 1. La caverna

    Filed under: — JE6 @ 15:57

    Ci dev’essere un motivo (valido, intendo) per cui negli aeroporti americani non è possibile usare il telefono dal momento in cui si entra nel finger che collega l’aereo al terminal a quello in cui si esce nella zona dei taxi: Customs, Baggage Claim eccetera. Io non l’ho ancora trovato, ma non dispero.

    Greetings from Narsarsuaq

    Filed under: — JE6 @ 04:10

    In tanti anni, questa è la prima volta che riesco a prenotare il posto giusto, e a fare la rotta giusta con il clima giusto: in altre parole, è la prima volta che riesco a passare sopra la Groenlandia senza che questa sia coperta da una lastra impenetrabile di nuvole, stando con il naso attaccato al finestrino. E lo spettacolo è realmente straordinario, anche se la sensazione di stare dentro una puntata di Super Quark è quasi invincibile.