< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/10/2007

    Gruesse aus Wiesbaden – 2. Cuckoo cocoon

    Filed under: — JE6 @ 16:59

    Forse per smentire l’impressione di deja-vu di cui sopra (o sotto, ma ci siamo capiti), in Burgstrasse si sono inventati il “Cucù più grande del mondo”, una terrificante vetrina piena di kitscherie orologistico-natalizie sormontate da un’ancor più terrificante testa di cervo, che porta un’espressione triste e smarrita da muovere a compassione anche i cuori meno teneri. Mi chiedo com’è il suono di questo cucù, se è cupo e malinconico come quello che sentii anni fa in un paesino della Foresta Nera – una villa riadattata a orologio, con un pennuto di legno lungo un paio di metri che usciva dalla finestra del primo piano e sembrava che chiedesse aiuto (il paese era grosso quanto il borgo di Trenno a Milano, e vantava un altro cucù-più-grande del mondo a un mezzo chilometro di distanza, potenza della competizione e del mercato).