< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/10/2007

    Non ho capito

    Filed under: — JE6 @ 14:25

    Ieri, nel delirio sinusoidale dei limiti di velocità tra Basilea e Chiasso, mi è parso di capire che la Radio e Televisiun Rumantscha sta per lanciare un nuovo palinsesto basato sull’uso del Rumantsch Grischun, che però non piace ai romanci veri-duri-e-puri perchè è una specie di esperanto ancor più incomprensibile dei cinque originali di cui dovrebbe essere una specie di media aritmetica (diciamo la verità: gli svizzeri, se non ci fossero bisognerebbe inventarli).

    3 Responses to “Non ho capito”

    1. Alister Says:

      Non c’è bisogno di andare in Svizzera, credimi. Qui in Friuli è in corso un dibattito simile sul friulano che dev’essere insegnato a scuola. Se ho ben capito, la legge regionale prevede l’insegnamento di una lingua standard che non piace ai cultori delle varianti locali. Io sono un milanese in esilio e il friulano faccio perfino fatica a capirlo, per cui evito di prendere posizione, anche se in astratto sarei favorevole a una koiné.

    2. lester Says:

      Esattamente la stessa cosa è successa dalle mie parti: http://it.wikipedia.org/wiki/Limba_Sarda_Unificada

    3. Squonk Says:

      Sapevo, per ovvii motivi di DNA, delle questioni sarde, e avevo sentito vagamente parlare della questione friulana (la cui lingua mi risulta essere parente del romancio, per inciso). Però, ragazzi: qui parliamo di un massimo di 66.000 persone, di cui meno di 40.000 parlano abitualmente l’idioma nativo. Insomma, gli svizzeri hanno in gran cura le minoranze (hahahahahaha).

    Leave a Reply